Grandi opere, Zamparutti: Folle pensare allo stretto di Messina

E’ folle ed irresponsabile parlare del Ponte dello Stretto come la grande opera prioritaria per il Paese all’indomani della tragedia di Messina che testimonia come l’Italia, alle prime piogge, frana e causa morti.
L’unica Grande Opera che serve al Paese e ai cittadini è la messa in sicurezza del territorio e la rottamazione dell’edilizia priva di qualità e non antisimica.
Bertolaso parla di 25 miliardi per la messa in sicurezza del territorio. Presidente Berlusconi, non è il caso che a questo siano destinati i 6,3 miliardi preventivati (secondo i dati ANAS) per la realizzazione del Ponte dello Stretto?
Dopo il caos normativo del Piano Casa per il rilancio dell’edilizia ora dobbiamo sentire anche lo slogan della semplificazione nell’ambito di un settore delicato come quello delle infrastrutture, per il quale servirebbe invece una nuova normativa sull’affidamento dei lavori con prezzi e tempi certi per la loro realizzazione.
Come Radicali e mondo ambientalista vogliamo responsabilmente una nuova politica per il governo del territorio, non slogan degni solo del declino di un Paese e di una classe politica totalmente scollegata con i problemi che vive la gente.

© 2009 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati

Elisabetta Zamparutti

POST COLLEGATI

#LiberidalDebito
#SostieniciNelTempo
#RadicalCannabisClub
#EroStraniero
#Parliamone!
#PiùEuropa

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA