Lettera – Liberalizziamo e paghiamo il canone solo per la Rai?

Europa

Sin dalla sua introduzione negli anni ’80 ho pensato che il Televideo fosse uno strumento ideato per informare l’utenza con le ultime notizie, le novità. Per tutto il mese di gennaio ogni giorno almeno una pagina del Televideo Rai è dedicata al pagamento del canone, la novità è che si paga entro il 31, che l’importo è di 122 euro. Si parla di liberalizzazioni, peccato che la liberalizzazione contributiva dell’etere è ancora ben lungi da venire.

Il canone va pagato solo alla Rai, grazie a una legge concepita quando c’era il monopolio. Vorrei poter scegliere di destinare i miei 122 euro in nome della liberalizzazione e della pluralità dell’informazione radiotelevisiva a radio o tele Padania piuttosto che a radio radicale, a radio Maria o magari a tv2000. Potrei volerlo destinare a Mediaset perché mi è simpatico Berlusconi. Potrei anche volerlo destinare a quelle radio "comunitarie" che hanno come scopo il servire una certa comunità o una minoranza linguistica locale. Anche queste emittenti pagano per l’uso dell’etere, sono servizio pubblico alla pari della Rai e hanno il diritto di ricevere il nostro contributo.
Carla Tempesta, Email
 

© 2012 Europa. Tutti i diritti riservati

#referendumAct
#radicaliAlFuturo
#Legalizziamo!
#referendumAct
#radicaliAlFuturo
#Legalizziamo!
#referendumAct
#radicaliAlFuturo
#Legalizziamo!

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA