newsletter-7: Eluana, tre anni dopo

Associazione Luca Coscioni per la libertà della ricerca scientifica

Newsletter quindicinale. Numero sette – 15 febbraio 2012

a cura di Carlo Troilo

per iscriversi e contribuire: www.lucacoscioni.it/contributo

 

Eluana, tre anni dopo

Mentre in Olanda si celebrano i 10 anni dalla approvazione della legge sulla eutanasia, che non ha portato al alcuna “deriva eutanasica”, ed in Francia si conferma la volontà del candidato socialista all’Eliseo Hollande di legalizzare la “morte dignitosa”, in Italia i tre anni dalla morte di Eluana sono stati l’occasione per una macabra iniziativa, voluta dal precedente governo: la seconda “giornata nazionale degli stati vegetativi permanenti”. Una iniziativa la cui inopportunità è stata evidenziata dal fatto che le associazioni dei familiari delle persone in SVP hanno rifiutato di parteciparvi, denunciando il fatto che i governi non hanno mai stanziato i fondi necessari per prestare a questa particolare categoria di “malati” una faticosa e costosa assistenza, che resta tutta a carico dei congiunti.

 

NOTIZIE DALL’ITALIA

Eutanasia: sorelle Kessler [1 febbraio] – Le gemelle Alice ed Hellen Kessler hanno annunciato di avere fatto un patto: se una delle due si riducesse allo stato vegetativo, l’altra la aiuterebbe a morire e poi si suiciderebbe. “Che senso avrebbe la vita – hanno dichiarato – per la sorella sopravvissuta? Oltretutto, dovrebbe anche fare i conti con la giustizia, perché accusata di omicidio”. Per saperne di più clicca qui.

Fornero e gay [1 febbraio] – Apprezzamento delle organizzazioni gay per le dichiarazioni del Ministro del Lavoro, Elsa Fornero, che ha anche la delega per le Pari Opportunità: “ contro le discriminazioni, anche verso gli omosessuali e i transgender, il mio impegno è pieno”.

Ricerca [1 febbraio] – Sono pronti per la firma del ministro Profumo due decreti che stanziano, rispettivamente, 415 milioni destinati a distretti e laboratori e 200 milioni per le "smart cities", cioè quelle città interconnesse, sostenibili ed ecocompatibili "caldeggiate" dall’Ue.

Asili nido a Milano [2 febbraio] – La giunta Pisapia ha deciso che i figli degli immigrati, anche irregolari, potranno accedere agli asili nido. Nel 2008 la Moratti aveva bloccato l’accesso ma la magistratura aveva imposto la loro riammissione. Protesta la Lega: è una istigazione alla illegalità.

Chiusura OPG [3 febbraio] – Il senatore Ignazio Marino su “L’Espresso” e l’onorevole radicale Maria Antonietta Farina Coscioni su “Europa” illustrano i problemi che si porranno con la chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari e le soluzioni previste per conciliare la nuova sistemazione del 1.500 attuali detenuti con le esigenze di sicurezza. Per saperne di più clicca qui.

Parti cesarei [2 febbraio] – Il ministro della Salute, Renato Balduzzi, ha illustrato le linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità volte a ridurre fortemente il numero dei parti cesarei, indicando i pochi casi in cui è consigliabile il ricorso al bisturi. Successivamente (il 10 febbraio) ha inviato i carabinieri dei NAS in ospedali e cliniche private per accertare in quali casi vi sia un ricorso “non appropriato” al cesareo.

Sclerosi multipla [3 febbraio] – L’Università di Padova ha annunciato la nascita del primo farmaco orale contro la sclerosi multipla. La pillola si chiama “FINGOLIMOD” ed è prodotta dalla Novartis. Nel Veneto vi sono 7.000 casi di questa grave malattia.

Hanno ucciso i diritti civili [2 febbraio] – Michele Ainis, su L’Espresso, denuncia la scomparsa dei temi etici dall’agenda politica: “La pace montiana tra Pdl e Pd ha cancellato i temi etici dalla politica: biotestamento, fecondazione assistita, unioni di fatto e diritti dei gay. Una grande anestesia che ci priva di libertà fondamentali. E il Vaticano ringrazia”

Interrogazione su Meropur [3 febbraio] – I consiglieri della Regione Lazio Rocco Berardo e Giuseppe Rossodivita hanno presentato una interrogazione urgente alla Presidente della Giunta, Renata Polverini affinché, nel suo ruolo di assessore alla Sanità, risponda finalmente alla delicata vicenda riguardante uno dei farmaci più diffusi per le terapie dell’infertilità contenenti gonadotropine di origine urinaria, il Meropur. “Ad oggi – ha dichiarato Filomena Gallo, Segretario della Associazione Coscioni – continua la vendita del Meropur senza che i pazienti ne conoscano la possibilità di contrarre patologie virali a seguito dell’ assunzione, perché tale avvertenza non è inserita nel bugiardino”. Per saperne di più clicca qui.

Disabili e lavoro [6 febbraio] – L’Associazione Luca Coscioni ha inviato una lettera (sottoscritta dal co-presidente Gustavo Fraticelli e da Alessia Turchi, membro di giunta) al ministro del Lavoro Elsa Fornero per denunciare le gravi inadempienze alla legge sul collocamento obbligatorio dei disabili. Le aziende tenute alle assunzioni obbligatorie non solo non rispettano l’obbligo ma non vengono sanzionate dalle Province. Per saperne di più clicca qui.

Ricerca su staminali [7 febbraio] – Uno studio italiano in collaborazione tra il CNR di Roma e l’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico MultiMedica di Milano apre nuove prospettive nel panorama delle terapie cellulari, dimostrando per la prima volta che i cardiomiociti – le cellule del cuore – possono essere una fonte di cellule staminali con caratteristiche “differenziative” vantaggiose rispetto ad altre staminali. Queste staminali ottenute da cellule mature sono state definite “multipotenti indotte".

Referendum nel PD sulla legge 40? [9 febbraio] – Marco Gentili, consigliere PD, Giovane Democratico, iscritto all’Associazione Luca Coscioni, ha inviato una lettera aperta al Segretario Pierluigi Bersani per chiedere un referendum sulla legge 40 all’interno del PD, affinché venga fuori una voce univoca sul tema. Marco Gentili ha realizzato anche un video messaggio indirizzato a Bersani, in cui si capisce perché fa questa richiesta: egli è affetto da Sclerosi Laterale Amiotrofica Famigliare, è costretto su una sedia a rotelle, usa il computer per comunicare. Ma tutto questo potrebbe essere evitato ad altre persone se la legge 40 non vietasse più la ricerca scientifica sulle cellule staminali embrionali, se permettesse pertanto di trovare una cura a queste malattie. Per saperne di più clicca qui.

Eluana, tre anni dopo [9 febbraio] – A tre anni dalla morte di Eluana Englaro tre iniziative del centro destra e dei movimenti pro-life: il presidente del Movimento per la Vita Carlo Casini ha scritto al presidente del Senato Schifani chiedendogli di adoperarsi perché inizi la discussione sulla “legge Calabrò” sul testamento biologico; si è costituito un “intergruppo parlamentare per la vita” promosso tra gli altri da Eugenia Roccella e dal senatore De Lillo ed a cui hanno aderito finora 58 parlamentari di PDL, UDC e Lega; si è celebrata a Roma, con un convegno cui ha partecipato il ministro Balduzzi, la seconda giornata nazionale degli stati vegetativi permanenti e della minima coscienza. Il dossier del Ministero della Salute dice che i casi di SVP in Italia sono circa 3.500; 3 su 10 sono alimentati e idratati artificialmente. Uno di loro è in SVP da 38 anni. Le associazioni dei familiari hanno disertato la manifestazione perché vogliono più assistenza. V icinanza alla famiglia Englaro è stata espressa dai dirigenti della Associazione Luca Coscioni. “Oggi l’Eutanasia è tornata ai margini dell’agorà pubblica, confinata nel privato di tragedie consumate nel silenzio e nella clandestinità”, ha dichiarato Marco Cappato. “Noi come Associazione Coscioni – ha detto Filomena Gallo – abbiamo l’obiettivo di riportare le libertà civili nell’agenda pubblica e istituzionale. Sul sito dell’Associazione Luca Coscioni nella pagina ‘soccorso civile’ tra le informazioni che forniamo sono presenti due pagine su Eutanasia e Testamento biologico e la mappa dei Comuni che hanno istituito il registro per il testamento biologico. Siamo anche in grado di fornire una rete di notai disponibili per la sottoscrizione delle proprie Dat, a titolo gratuito." Per saperne di più clicca qui.

Fine vita [14 febbraio] – Il ministro della Salute Balduzzi dichiara che se il Senato riprenderà l’esame del ddl sul testamento biologico “Il governo farà la sua parte per fornire elementi unitivi e non di divisione”. La Presidente onoraria dell’Associazione Luca Coscioni, Maria Antonietta Farina Coscioni, a seguito delle dichiarazioni dell’ex ministro Sacconi secondo cui il governo deve restare estraneo alla vicenda, scrive su L’Unità: “Raro esempio di improntitudine. È stato il Governo di cui Sacconi era ministro, a istituire tre anni fa, proprio il giorno della morte definitiva di Eluana Englaro, la «Giornata Nazionale degli Stati Vegetativi»”.

Indagini su sclerosi multipla e autismo [13 febbraio] – Pazienti soli, soprattutto nella fase iniziale della malattia, che soffrono, in attesa di una diagnosi che non arriva. Il peso dell’assistenza sui familiari, che spesso devono lasciare il lavoro. Ad approfondire il vissuto dei malati di sclerosi multipla e delle persone che soffrono di autismo, ma anche delle loro famiglie, sono due indagini realizzate dal Censis nell’ambito del progetto pluriennale “Centralità della persona e della famiglia: realtà o obiettivo da raggiungere?”. Per saperne di più clicca qui.

NOTIZIE DAL MONDO

Aborto in Spagna [1 febbraio] – “El Pais” annuncia in un editoriale che il governo Rajoy sta preparando la revisione della legge sull’aborto voluta da Zapatero. Secondo il quotidiano non solo verrà abrogata la facoltà’ concessa alle minori di 16 e 17 anni di decidere liberamente se abortire o meno senza il consenso dei genitori, ma verrà anche ripristinata l’esigenza di un “motivo” per poter ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza.

Eutanasia Francia [4 febbraio] – I giornali francesi riportano con risalto una dichiarazione del candidato socialista alle presidenziali francesi Francois Hollande: “Propongo che ogni adulto nella fase avanzata o terminale di una malattia incurabile che causi dolori fisici o psichici insopportabili possa chiedere, a precise e severe condizioni, di ottenere assistenza medica per porre fine alla propria vita con dignità”. Un recente sondaggio ha dimostrato che il 94% dei francesi è favorevole alla eutanasia: il 49% ha risposto “sì, assolutamente, il 45%, “sì, in certi casi”. Per saperne di più clicca qui.

Suicidio assistito USA [8 febbraio] – Il New York Times informa che la Corte Federale della Georgia ha deciso che una legge volta a depenalizzare il suicidio assistito sarebbe contraria alla Costituzione. Negli USA, solo gli stati di Washington e dell’Oregon consentono il suicidio assistito. Il giornale traccia un quadro del dibattito in corso in altri stati come il Massachusetts e il Montana. Per saperne di più clicca qui.

Dieci anni di eutanasia in Olanda [10 febbraio] – A dieci anni dalla approvazione della legge sulla eutanasia, la NVVE (Dutch Right do Die) ha organizzato ad Amsterdam un festival in cui saranno proiettati 35 tra film e documentari aventi come tema l’eutanasia. La NVVE ha anche organizzato squadre composte da un medico e un’infermiera che si recheranno nelle case dei malati che hanno chiesto l’eutanasia o il suicidio assistito a un dottore che ha rifiutato di dar seguito alla richiesta. La NVVE prevede che agli attuali 3.000 casi annuali se ne aggiungeranno altri mille, tra cui molti casi di malati di Alzheimer o altre forme di demenza senile (fonte Radio Netherlands e London Telegraph).

Aborto USA [12 febbraio] – Dopo la vittoria del repubblicano ultracattolico Rick Sanctorum in diversi stati per le primarie, Obama ha parzialmente ritirato la norma che imponeva ai datori di lavoro, compresi gli enti religiosi, di includere nei piani di assistenza sanitaria dei loro dipendenti anche la contraccezione (vedi NL n.5) . L’obbligo è stato spostato a carico delle compagnie di assicurazione. Secondo la stampa americana, nelle prossime elezioni i temi bioetici peseranno quanto quelli economici. L’“International Herald Tribune” dedica un articolo ai cambiamenti di rotta del candidato Romney sul tema dell’aborto. Da una vecchia posizione pro-choice Romney si è spostato sula linea pro-life, secondo molti osservatori anche per non essere scavalcato da altri candidati repubblicani, in particolare il super cattolico Sanctorum.

IN LIBRERIA

Edoardo Boncinelli. La scienza non ha bisogno di Dio. Rizzoli. Pagine 170. Euro 18
Il libro esplora l’origine dell’uomo e l’evoluzione della vita, approfondendo soprattutto l’attività del DNA, descrivendola dettagliatamente, specie nella fase dello sviluppo. Malgrado il titolo, il libro non ha nulla di antireligioso o anticlericale, semplicemente dimostra come la visuale della scienza (l’aprirsi di nuovi paesaggi cognitivi o di un nuovo modo di guardare quelli abituali) deleghi la trascendenza ad altre discipline, dalla filosofia alla teologia. Per saperne di più clicca qui.

http://www.lucacoscioni.it/comunicato/eluana-tre-anni-dopo
newsletter
#LibertàTerapeutica
#SostieniciNelTempo
#RadicalCannabisClub
#EroStraniero
#Parliamone!
#EuropeFirst

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA