Intervista a Marco Pannella – “Finalmente Beppe, ti aspetto da sempre”

di Caterina Perniconi pubblicato su Il Fatto Quotidiano, il 10/05/12

Annamo un po’ a vede’ chi è questo qua”. Beppegrillo, tutto attaccato come ama Marco Pannella, è un fenomeno che lo attrae da sempre. “Era al Palasport di Roma e ci andai. Una furia. Un bestione. Mi accolse nel camerino, non l’avevo mai visto prima e sembrava che ci conoscessimo da sempre”. L’ha incontrato solo un’altra volta, a Bologna: “Nun fa’ stronzate gli dissi. Faceva errori grossolani con i referendum, sbagliava le date, quello è mestiere nostro”.

Quanta paura ha di Beppe Grillo?
Paura? Semmai il contrario. C’è un libro del 2007, si chiama proprio Chi ha paura di Beppe Grillo? di cui ho scritto la postfazione. Lì, pensi quanto tempo fa, gli chiedevo di darci una mano. Ho firmato i suoi referendum che in passato sono stati anche i nostri.
Per questo ha detto che la copia?
Non l’ho mai detto. Ho scritto un “twist”, come li chiamo io (i tweet, ndr), dopo che Beppe disse ciò che io sostenevo, cioè che all’Italia serve una Norimberga. Dicevo: “Grillo parlante o copiante? Finalmente insieme? Ti aspetto da sempre”. Era affettuoso, non si capisce?
Perché l’aspetta Pannella?
Perché ritengo le sue contraddizioni ricche e importanti. Il combinato disposto del Grillo-parlante e del Pannella-pure, costituirebbe un elemento non di esplosione politica effimera, ma di forza alternativa.
Sembra sicuro.
È un bestione, come ce ne sono pochi in Italia. Io, che sono un animale abruzzese, lui, Bossi e Ferrara.
È un comico.
Comico in Italia non vuol dire nulla. È un grande attore e interprete. Ha una forma fisica, e quindi psicofisica, straordinaria. Quando uno lo vede, lo osserva con amore, non può non pensare “guarda com’è in forma, cazzo”.
E se la oscurasse?
Magari arrivasse qualcuno che porta avanti le mie battaglie fino a oscurarmi. Abbiamo raccolto 63 milioni di firme dal ’55, una storia gloriosa. Temo piuttosto che si spenga. Deve stare attento adesso Beppe. Lui è pregiudicato per un brutto incidente che ha avuto in macchina. E io gliel’ho detto alla radio “ora rischi di portare a sbattere chi ti segue, come quella volta in macchina, ma stavolta crepi pure tu” e io voglio impedirlo.
Guiderà lei?
È lui che deve passare dal monologo al dialogo. Fare come noi che siamo un partito aperto, un servizio pubblico. Hanno imparato la litania “la nostra non è protesta, ma proposta perché l’antipolitica non offre di firmare petizioni”. Ma non basta. C’è il rischio che Grillo resti solo Grillo. Vedete, parlo di rischio. Invece devono strutturarsi, diventare utili e preziosi.
Se arrivano in Parlamento lo saranno?
Lo spero. Stiamo vivendo il fascismo della repubblica antifascista. E quando sento Napolitano rispondere in modo magniloquente a Grillo penso che commetta un reato.
Cioè?
La nostra Repubblica vive una condizione di flagranza criminale e se io assisto a un assassinio e non faccio nulla per fermarlo, sono colpevole di omesso soccorso. Napolitano, da cittadino dovrebbe impedire di sputtanare la giurisdizione europea che da 30 anni ci condanna perché i nostri processi non hanno una ragionevole durata.
L’amnistia.
Ridurre drasticamente i processi è l’unico modo per far ripartire la crescita, tanto cara alla partitocrazia antifascista che Napolitano difende. Ma non è mica il primo, è il milionesimo. II costituzionalismo italiano, con rispetto parlando, ha trovato il suo difensore.
Grillo su questo non la segue.
Anche lui è per l’efficienza maschilista del “tutti in galera”, quel forcaiolismo tipico dell’Idv che tanto piace anche a voi. Rischia di non rendersi conto delle radici giacobine dell’autoritarismo.
Il leader di M5S pensa anche che la Bonino sarebbe un Capo dello Stato espressione dei partiti.
Ma se i sondaggi dicono che la vorrebbe il 70% degli italiani! I partiti le hanno dato solo 15 voti, questa è la verità. Ma povero Beppe, perdoniamolo, anch’io dico sette cazzate al giorno. Una gli può sfuggire. Avrà paura della Bonino, e magari anche di me, che sono ignoto.
Non direi.
Sono il 194esimo politico per ascolti consentiti in tv.
Neanche Grillo ci va.
Non è vero, Beppe non vuole discutere, perché se va in uno studio televisivo si sputtana. Invece così becca i picchi d’ascolto, quando ci sono 7 o 8 milioni di persone che lo guardano e con quei 3 minuti di perfezione recitati in piazza, che ti viene la pelle d’oca per quanto è bello, ha già vinto.

Condividi

http://www.perlagrandenapoli.org/?p=6999&utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=intervista-a-marco-pannella-finalmente-beppe-ti-aspetto-da-sempre
Rassegna Stampa
#referendumAct
#radicaliAlFuturo
#Legalizziamo!
#referendumAct
#radicaliAlFuturo
#Legalizziamo!
#referendumAct
#radicaliAlFuturo
#Legalizziamo!

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA