nel cuore delle banche italiane ci sono i partiti

#Sbanchiamoli! Fuori i partiti dalle banche: la campagna di Radicali italiani

conferenza stampa sbanchiamoli“#Sbanchiamoli – Fuori i partiti dalle banche. Credito a chi merita”: sono le parole d’ordine per il lancio della nuova campagna politica di Radicali Italiani, avvenuto giovedì 27 febbraio 2014 in conferenza stampa presso la sede dei Radicali a Roma.

Basta dunque all’influenza che i partiti, attraverso le fondazioni bancarie, hanno sul governo delle banche, e quindi sulla distribuzione del credito a cittadini e imprese. Radicali Italiani propone la netta separazione tra le Fondazioni, guidate dai partiti, e le banche. Questa richiesta con la relativa proposta di legge è presente in una petizione parlamentare che il Tesoriere di Radicali Italiani Valerio Federico ha inviato ai presidenti e ai capigruppo di Camera e Senato.

Approfondisci sulla campagna

L’elenco dei sottoscrittori

La presentazione della proposta di legge alla Camera dei deputati

«Sono in molti a invocare simili provvedimenti. Proprio ieri il Garante per le micro, piccole e medie imprese ha reso noti i dati sul disastroso andamento del 2013, che ha visto oltre 10.000 piccole e medie imprese fallire a causa del difficile accesso al credito, dato senza  precedenti» ha dichiarato Alessandro Massari, membro della Direzione di Radicali Italiani.

La riforma dell’assetto proprietario del sistema bancario proposta da Radicali Italiani se applicata nel Paese ridurrebbe le ingerenze dei Partiti sulla destinazione del credito, rimuoverebbe gli ostacoli posti dalle Fondazioni all’afflusso di nuovi capitali e avrebbe l’ulteriore effetto di accrescere le risorse delle Fondazioni da impiegare per sostenere le comunità locali.

La situazione attuale viola le leggi in vigore, dove queste prevedono la diversificazione degli investimenti per le Fondazioni e la perdita dell’azionariato di controllo delle Banche.

La Segretaria Rita Bernardini, ha evidenziato come «qualsiasi lotta politica in Italia debba misurarsi con la totale mancanza di democrazia soprattutto dei mezzi d’informazione» e ha ricordato come «la campagna referendaria del 2000 “liberale liberista e libertaria” dovette scontrarsi non solo con la feroce censura dei media ma anche con la mannaia della Corte Costituzionale, che non ammise al voto popolare tutti i referendum economici che avrebbero potuto assicurare all’Italia, già 14 anni fa, quel rilancio economico che oggi i cosiddetti rottamatori ricercano disperatamente».

“Sbanchiamoli” pone un interrogativo al neo premier Matteo Renzi, alla guida del partito con il maggior numero di nominati nelle fondazioni, che non ammette silenzio. «Renzi, invece di rottamare esperienze e competenze, rottami quelle vecchie politiche partitocratiche che permettono ancora ai partiti in Italia di controllare le banche e la destinazione del credito» ha così concluso il suo intervento il Tesoriere di Radicali Italiani, Valerio Federico.

Il video integrale della conferenza stampa

L’intervista a Valerio Federico per il Tg di Canale 3 Toscana del 5 maggio 2014

 

La presentazione della proposta di legge alla Camera dei deputati

 

 

#referendumAct
#radicaliAlFuturo
#Legalizziamo!
#referendumAct
#radicaliAlFuturo
#Legalizziamo!
#referendumAct
#radicaliAlFuturo
#Legalizziamo!

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA