Autodichia: i Radicali scrivono a Renzi: occorre rottamarla. Il Governo non si costituisca, lasci decidere la Consulta

Signor Matteo RENZI

Presidente del consiglio dei ministri

Palazzo Chigi

Piazza Colonna

00186 ROMA

Roma, 21marzo 2014

Presidente,

abbiamo certamente apprezzato che -nella rielaborazione conseguente al ritiro del decreto-legge n. 151, deciso dal Suo governo appena insediato – non sia stato riproposto l’emendamento all’art. 2, consentendo in questo modo, come disposto, il recesso annuale automatico dai contratti d’affitto da parte delle pubbliche amministrazioni, in linea con quanto già previsto dal Governo Monti (art 3 del decreto 95/2012), che affrontava la questione degli affitti d’oro della Camera. Eppure, un cambio di passo del Governo nelle questioni amministrative del Parlamento non può limitarsi a questo: finora l’atteggiamento del Governo è apparso troppo tenue e balbettante nell’affrontare la disonorevole situazione giuridica da cui ebbe origine il regime derogatorio di cui ha approfittato il costruttore Scarpellini.

Che cosa impediva ad applicare alla Camera le usuali procedure di legge sul potere di disdetta e mancato rinnovo delle locazioni con amministrazioni pubbliche? Il problema, onorevole Presidente, è l’autodichia. Da che rimane intatto un tal retaggio, si è alimentato molto del discredito che si va riversando sulle Istituzioni democratiche. Per recidere il groviglio dell’autodichia, è stata investita la Corte costituzionale: eppure anche il Governo può fare qualcosa, per superare questo sistema unico al mondo.

È già avvenuto che la Presidenza del consiglio abbia negato mandato all’avvocatura dello Stato a costituirsi “in difesa dello status quo” a palazzo della Consulta. È avvenuto con un’altra questione di costituzionalità sollevata dalla Cassazione, quella sulla legge elettorale. Può e deve avvenire, ora, anche per la questione sollevata dalle sezioni unite civili della Cassazione contro l’autodichia con ordinanza n. 10400 del 2013. Nella mattina di martedì 25 marzo prossimo la Corte costituzionale esaminerà la cosiddetta autodichia. Camera e Senato la invocano, ad ogni pie’ sospinto, per giustificare la sottrazione delle loro amministrazioni all’automatica applicazione della legge esterna.

Al momento la Presidenza del consiglio è costituita in giudizio a difesa del Senato contro la Corte di cassazione. Quest’ultima, anche dopo aver visionato la proposta di legge radicale della scorsa legislatura, ha avanzato il dubbio che l’antico privilegio sia contrario alla Costituzione ed ai trattati internazionali.

I Radicali si aspettano, dopo la relazione del professor Giuliano Amato, parlino solo le parti private, e che il Governo non intervenga in una questione che, in fin dei conti, è di mero diritto civile. Se Enrico Letta l’ha fatto per il Porcellum, astenendosi dal difendere la legge, è lecito richiedere a Lei di lasciare i quindici giudici della Corte liberi di decidere sull’autodichia, ritirando la costituzione in giudizio dell’Avvocatura dello Stato.

Sarebbe anche questo l’indizio di un cambio di passo, superando l’anomalìa per la quale il nostro è l’unico Paese al mondo che attribuisce questo potere al suo Parlamento.

Se le Presidenze delle Camere hanno sin qui fatto orecchio da mercante alla nostra richiesta, siamo convinti che il Governo possa e debba dimostrare maggiore disinteresse, sulla questione.

Presidente, ritiri ogni atto depositato dall’avvocatura dello Stato e lasci la Corte determinarsi secondo scienza e coscienza.

La professionalità e la competenza giuridica del Relatore in Corte, che è stato anche autorevole parlamentare e due volte Presidente del consiglio, non necessita di ulteriori “interventi a difesa della legge”; ciò tanto più che, finora, la memoria del Governo s’è ridotta ad una clonazione delle memorie delle Camere. Il collegio giudicante è già nelle migliori condizioni per decidere e portarci ad uno standardeuropeo anche su questa questione.

 

Attendiamo fiduciosi

Irene Testa                                                                                                     On.le Rita Bernardini

Radicale e coautrice del libro “Parlamento Zona Franca” lo scudo dell’autodichia        Segretaria di Radicali Italiani

     

Avv. Alessandro Gerardi                                                                            On.le Maurizio Turco

Coautore del libro “Parlamento Zona Franca” lo scudo dell’autodichia              Tesoriere del Partito Radicale

 

© 2014 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati

Alessandro Gerardi, Irene Testa, Maurizio Turco, Rita Bernardini
#LibertàTerapeutica
#SostieniciNelTempo
#RadicalCannabisClub
#EroStraniero
#Parliamone!
#EuropeFirst

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA