Farmacap, Magi: basta buttare soldi. Farmacie comunali sono circondate da quelle private. Lunedì 21 nessuno sentirà assenza

Dichiarazione di Riccardo Magi, consigliere Capitolino Radicale eletto nella Lista civica Marino:

Quello che dovrebbe far riflettere tutti, a partire dagli amministratori e dai dipendenti di Farmacap, è che il 21 luglio, giorno dello sciopero annunciato oggi, probabilmente nessuno in città sentirà la mancanza delle farmacie comunali. Provo rispetto per questi lavoratori come per tutti gli altri impiegati in aziende pubbliche o private, ma da amministratore sento il dovere di agire nell’interesse dei cittadini romani, che pagano tasse altissime per servizi essenziali scadenti.

La finalità per cui è nata Farmacap – al di là dei servizi di assistenza e soccorso,  peraltro in buona parte sospesi o inutilizzabili, che possono essere offerti internalizzandoli se ritenuti necessari – è quella di portare il servizio delle farmacie a fasce di popolazione disagiate e svantaggiate e in zone in cui non arriva il servizio privato. Ma come abbiamo dimostrato con la mappa di Opencampidoglio.it  la localizzazione di quasi tutte le 44 farmacie comunali non risponde alla missione dell’azienda, trovandosi le farmacie quasi sempre a poche decine o centinaia di metri da altre farmacie, e non offrendo servizi agevolati a quelle fasce di popolazione. O si valuta che sia possibile e doveroso riportare l’azienda al suo compito originario oppure la cosa migliore nell’interesse pubblico è la chiusura dell’azienda e la vendita delle licenze.

Quando il 6 marzo scorso abbiamo votato i bilanci di Farmacap degli esercizi 2010-2012 e (nella stessa delibera n. 8/2014) la destinazione di 15 milioni di euro per il ripiano delle perdite, sono stato l’unico in assemblea Capitolina a votare contro perché ritenevo un gesto irresponsabile nei confronti dei cittadini romani gettare altri milioni di euro in quell’azienda in assenza di un piano industriale. 

In quella delibera si dava “indirizzo all’Azienda di presentare entro tre mesi un nuovo Piano industriale che preveda il conseguimento già nel 2014 di uno stabile equilibrio economico-finanziario aziendale, al fine di assicurare la salvaguardia degli equilibri di Bilancio complessivi di Roma Capitale”. I tre mesi sono trascorsi, un piano industriale credibile non c’è e nemmeno una decisione chiara e responsabile sull’azienda e su come sia meglio utilizzare le risorse di tutti i romani in un momento in cui il principale obiettivo della città è il risanamento. 

Non c’è neanche un bilancio del 2013 nel quale ci sono altri 3 milioni di perdite.

Per salvare 300 posti di lavoro (che comunque si potrebbero salvare in altro modo) si spendono milioni l’anno per un servizio inutile già superato dal mercato. E’ un sistema quello che regge le aziende capitoline, che crea più disoccupazione e povertà. Se il Consiglio, ma anche il Governo con il Piano di riequilibrio, non intervengono neppure su Farmacap vuol dire che manca coraggio per vero risanamento anche su tutto il resto.

© 2014 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati

Riccardo Magi
#LibertàTerapeutica
#SostieniciNelTempo
#RadicalCannabisClub
#EroStraniero
#Parliamone!
#EuropeFirst

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA