Russia, Radicali: “Deriva autoritaria di Mosca impone consolidamento Europa: #EuropeFirst!”

Salvini e Grillo complici silenti della violazione dei diritti in Russia

In seguito all’arresto del blogger russo, oppositore di Putin, Alexei Navalni, il Segretario di Radicali Italiani Riccardo Magi e Igor Boni della Direzione nazionale di Radicali italiani hanno rilasciato la seguente dichiarazione:

“Le centinaia di arresti di ieri a Mosca e in altre città della Russia mettono nuovamente a nudo cos’è il regime di Putin. Un regime autoritario, antidemocratico, dove le violazioni dei diritti di libera espressione di opinioni e pensiero vengono repressi con la violenza. Un regime dove i giornalisti e gli oppositori sono uccisi o arrestati. Un regime che è modello per i nostrani Matteo Salvini e Beppe Grillo che non mancano un’occasione per lodare Putin e la sua politica, dando voce e megafono alla sua becera propaganda, organizzata e finanziata lautamente dallo stesso governo russo. Occorre ora come non mai un’Europa unita, federale, che sappia contrastare l’espansionismo violento della Russia di Putin e dare una mano ai giovani democratici che stanno aprendo una stagione di lotta interna a quel Paese che deve essere sostenuta da chi, come noi Radicali, crede nell’inviolabilità dei diritti umani e civili. #EuropeFirst! è la nostra campagna per fare aprire gli occhi a chi ancora non ha compreso che occorre completare il sogno spinelliano e pannelliano degli Stati Uniti d’Europa”.

Tag:

POST COLLEGATI

#LiberidalDebito
#SostieniciNelTempo
#RadicalCannabisClub
#EroStraniero
#Parliamone!
#PiùEuropa

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA