Presentazione candidatura Gori. Radicali Italiani: “Confrontiamoci. Priorità democrazia, federalismo ed efficienza”

Dichiarazione di Riccardo Magi, Valerio Federico e Barbara Bonvicini, segretario e membri di direzione di Radicali Italiani:

Abbiamo accolto l’invito alla presentazione della candidatura di Giorgio Gori a presidente di Regione Lombardia. Siamo venuti ad ascoltare chi con noi ha collaborato alla mobilitazione “Ero Straniero”, che ha visto la raccolta di 86 mila firme e che prevede canali legali per i migranti alla ricerca di occupazione.

Non vi è alcun accordo definito, ci confronteremo con Gori per verificare la presenza di eventuali obiettivi comuni.
Riteniamo che gli attuali ostacoli alla raccolta firme sulle liste posti dalla normativa regionale, come da quella nazionale, impediscano ai cittadini di esercitare i propri diritti politici e a movimenti non garantiti dalla presenza nelle istituzioni di concorrere, di fatto, alla competizione elettorale. L’urgenza è, dunque, per noi, quella di prevedere l’estensione della facoltà di autentica a cittadini indicati dai presentatori delle liste e, per i referendum, dai comitati promotori, così come quella di prevedere la possibilità di sottoscrivere liste e referendum online. È tale il disprezzo per i diritti alla partecipazione dei cittadini di Regione Lombardia che da due anni il Consiglio, in violazione delle sue stesse regole, non discute le leggi di iniziativa popolare presentate da 15 mila cittadini lombardi su Cannabis Terapeutica e Testamento Biologico, obiettivi per noi irrinunciabili.

Il controllo da parte di Regione Lombardia sulle sue società in house e partecipate è sostanzialmente fallito. Basti pensare al miliardo di debito che queste hanno accumulato e ai rilievi sulla loro mala gestione fatti da Corte dei Conti, ANAC e Antitrust. Noi sosteniamo la prevalenza della gara pubblica quando i servizi sono disponibili sul mercato e possono essere prodotti in regime di concorrenza, con benefici in termini di costi ed efficienza per il cittadino. Va limitata in Lombardia la commistione tra politica ed economia finalizzata a potere e consenso.

 

#LiberidalDebito
#SostieniciNelTempo
#RadicalCannabisClub
#EroStraniero
#Parliamone!
#PiùEuropa

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA