Smog, +Europa: “Italia rispetti limiti Ue e tolga sussidi a chi inquina”

Il Commissario Vella ha ragione, non sono più ammissibili ulteriori ritardi: l’Italia deve rispettare i limiti predisposti dalle direttive europee sulla qualità dell’aria, e il miglioramento in atto non giustifica inazione.
Ne va della salute dei cittadini che, come dimostra l’agenzia europea dell’ambiente, subiscono danni enormi dall’inquinamento. Per questo il nostro Paese deve subito agire con iniziative per la riduzione del numero delle auto private, con investimenti sul trasporto urbano, l’aumento dei mezzi elettrici e ibridi, il rinnovo degli impianti di riscaldamento e una migliore gestione delle biomasse.

Tra gli strumenti da adottare, continua a mancare, in spregio a ripetute decisioni del Parlamento come la Delega Fiscale già di tre anni fa, una revisione del sistema fiscale in chiave ecologica che disincentivi i comportamenti dannosi, così come resta inascoltato l’allarme dello stesso dicastero di Galletti, che quantifica in circa 16 miliardi all’anno (sic) i sussidi dannosi all’ambiente. Questi ultimi perlopiù in forma di spesa fiscale.

Con la salute non si scherza: è urgente passare all’azione”, lo dichiarano in una nota Michele Governatori e Massimiliano Iervolino, capilista di +Europa con Emma Bonino rispettivamente nella circoscrizione Marche 1 e Veneto 2.
Il programma +Europa con Emma Bonino: https://piueuropa.eu/programma/

Roma, 30 gennaio 2018
Tag:

POST COLLEGATI

#LiberidalDebito
#SostieniciNelTempo
#RadicalCannabisClub
#EroStraniero
#Parliamone!
#PiùEuropa

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA