Migranti, Magi: pressione politica su guardia costiera mette a rischio vite

“Da estimatori della professionalità e dell’umanità con cui la Guardia costiera Italiana ha sempre operato nel Mediterraneo, con l’obiettivo prioritario di salvare vite umane, crediamo che da tempo – e non solo dall’esordio di questo governo – la nostra Guardia costiera subisca una pressione politica che rischia di renderla, suo malgrado, corresponsabile dei respingimenti dei migranti in Libia, dove i diritti umani vengono sistematicamente violati. Perché è questo che accade quando la Guardia costiera italiana cede a quella libica il controllo e la responsabilità delle operazioni di salvataggio, col risultato che i migranti vengono ricondotti nei lager libici dove subiscono torture e violenze di ogni genere. Il numero di morti in mare e in terra è in aumento.

Anche per questo ho chiesto al presidente Fico di autorizzare una missione parlamentare che affianchi il ministro dell’Interno Salvini nella sua visita in Libia: si consenta al Parlamento di recuperare il proprio ruolo di controllo sul Governo e di verificare la destinazione delle risorse provenienti dal bilancio statale e il loro utilizzo nel rispetto della legge italiana e delle Convenzioni internazionali sui diritti umani”, lo scrive in una nota Riccardo Magi, deputato di +Europa e Segretario di Radicali Italiani.

24 giugno 2018

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA