11 novembre: Referendum sul trasporto pubblico a Roma

L’11 novembre dalle 8.00 alle 20.00 a Roma si vota un referendum consultivo per la messa a gara del servizio di trasporto pubblico, grazie alle 33mila firme di cittadini romani raccolte nel 2017.

Quando si vota?
Domenica 11 novembre, dalle 8.00 alle 20.00.

Dove si vota?
Nei consueti seggi elettorali di Roma, muniti di tessera elettorale e documento d’identità.

I quesiti?
1) “Volete voi che Roma Capitale affidi tutti i servizi relativi al trasporto pubblico locale di superficie e sotterraneo ovvero su gomma e su rotaia mediante gare pubbliche, anche a una pluralità di gestori e garantendo forme di concorrenza comparativa, nel rispetto della disciplina vigente a tutela della salvaguardia e la ricollocazione dei lavoratori nella fase di ristrutturazione del servizio?”

2) “Volete voi che Roma Capitale, fermi restando i servizi relativi al trasporto pubblico locale di superficie e sotterraneo ovvero su gomma e rotaia comunque affidati, favorisca e promuova altresì l’esercizio di trasporti collettivi non di linea in ambito locale a imprese operanti in concorrenza?”

Perché votare SÌ?
Votando Sì, si sceglie di mettere a gara il servizio di trasporto pubblico romano, superando il monopolio #Atac e aprendo il servizio alla concorrenza di imprese pubbliche e private.
Il controllo – così come il prezzo del biglietto e le tratte da effettuare – saranno di competenza del Comune di Roma.

C’è il quorum?
È previsto il quorum di votanti per rendere valida la consultazione di almeno un terzo degli aventi diritto.

Chi può votare?
Possono votare i residenti nel comune di Roma iscritti nelle liste elettorali e, inoltre, i seguenti cittadini che, appartenendo a una delle categorie previste dall’art.6 dello Statuto, si siano appositamente registrati tra il 1 ottobre e il 31 dicembre 2017:
• i cittadini non residenti a Roma, che godono dei diritti di elettorato attivo ed esercitano in essa la propria attività prevalente di lavoro;
• gli studenti non residenti a Roma, che godono dei diritti di elettorato attivo ed esercitano in essa la propria comprovata attività di studio, presso scuole o università;
• gli stranieri che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età, legittimamente presenti nel territorio nazionale e residenti a Roma o ivi aventi il domicilio per ragioni di studio o di lavoro.

Per maggiore informazioni 👇
www.mobilitiamoroma.it

bastatac

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA