Droghe
cannabis_1900x700

Radical Cannabis Club

La cannabis è già libera, rendiamola legale

I NUMERI

13

I MILIONI DI ITALIANI CHE HANNO FATTO USO
DI CANNABIS DI CUI 4 NELL’ULTIMO ANNO

12

I MILIARDI DI EURO RAPPRESENTATI
DAL MERCATO DELLA CANNABIS

147

TONNELLATE DI CANNABIS
SEQUESTRATE OGNI ANNO

Radical Cannabis Club – Richiedi la tessera con un seme di cannabis!

Le nostre ragioni

Legalizzare non significa promuovere, fare pubblicità o sollecitare. Legalizzare vuol dire regolamentare.

– La legalizzazione contribuirebbe a sottrarre i profitti delle mafie, nonché la criminalità collegata alla produzione e allo spaccio. L’obiettivo è sottrarre quella parte di mercato che le mafie controllano in totale autonomia attraverso produzione, importazione (traffico), vendita e spaccio.

– I dati dei Paesi che hanno legalizzato la cannabis non hanno registrato un aumento nel suo consumo.

– La legalizzazione favorirebbe una maggiore libertà nel condurre ricerca scientifica pura e applicata allo sviluppo di nuove terapie per decine di malattie – La proibizione sulle piante e le sostanze psicoattive derivate, infatti, blocca il progresso della scienza con danni gravissimi per la salute di milioni di persone.

– La legalizzazione renderebbe omogenea ed accessibile in tutta Italia la cannabis ad uso terapeutico, al momento possibile solo in alcune Regioni. L’efficacia farmacologica dei cannabinoidi nella terapia del dolore è provata da studi universalmente condivisi. La legalizzazione faciliterebbe l’uso terapeutico della canapa medicinale ad ogni paziente affetto da particolari patologie.

– La legalizzazione contribuirebbe anche a ridurre il sovraffollamento delle carceri: milioni di persone sono in carcere per reati di droga connessi allo spaccio e detenzione di cannabis. È un numero enorme, che corrisponde quasi alla metà di tutti i reclusi per droga, complessivamente circa il 40% dei carcerati.

La proposta di legge

Ecco cosa prevede la proposta di legge per la regolamentazione della produzione, del consumo e del commercio della cannabis e suoi derivati presentata in Corte di Cassazione il 18 marzo 2016 e depositata al Parlamento a novembre 2016.

  1. Auto-coltivazione libera fino a cinque piante, con comunicazione da 6 a 10
  2. Possibilità di associazione in cannabis social club non a fini di lucro (fino a un massimo di 100 componenti che possono coltivare cinque piante femmine a testa)
  3. Coltivazione e fini commerciali previa comunicazione dell’inizio della coltivazione, nome e varietà di cannabis utilizzate e quantità di seme per ettaro
  4. Sulle confezioni dei prodotti sarà specificato il livello di THC, la provenienza geografica e l’avvertimento che “un consumo non consapevole può danneggiare la salute”
  5. I rivenditori non potranno essere nelle immediate vicinanze delle scuole né sarà possibile pubblicizzare i prodotti
  6. Promozione ulteriore dell’accesso ai cannabinoidi medici ampliandolo chiaramente ai malati affetti da sintomatologie che rispondano favorevolmente ai preparati
  7. Controllo della produzione è affidato alla direzione generale sulle frodi agro-alimentari del Ministero delle politiche agricole e dal Comando carabinieri per la tutela della salute presso il Ministro della salute
  8. Relazione annuale al Parlamento
  9. Tassazione mutuata dal “Testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative” del 1995
  10. Sanzioni amministrative fino a un massimo di 5000 euro per chi viola la nuova normativa
  11. Nuovi introiti destinati a: 10% per campagne informative, 15% per attività di previdenza sociale, 15% per  attività di assistenza sociale, 20% per la riduzione delle imposte sul lavoro e impresa e per il finanziamento di incentivi all’occupazione, 30% per investimenti produttivi, il rimanente 10% per la  riduzione del debito pubblico
  12. Vengono infine abolite tutte le sanzioni penali anche per l’uso personale di tutte le altre sostanze proibite e si introduce una norma volta alla scarcerazione di coloro che hanno subito una condanna relativa a condotte legalizzate con la proposta di legge.

Radical Cannabis Club

Ora dobbiamo lavorare perché quel progetto diventi legge. Ci aspetta una nuova stagione di lotta e di iniziativa: nelle strade e nelle piazze, nelle scuole, in parlamento, sui mezzi di informazione. Lanceremo una sorta di conto alla rovescia al proibizionismo che avrà inizio con l’invio a casa, a chiunque lo richieda, di un seme di cannabis. Un seme come auspicio e impegno a che presto metterlo in un vaso di terra non sarà più reato! Un seme di libertà!

Con una donazione di almeno 10 euro puoi ricevere a casa la tessera del Radical Cannabis Club con un seme di cannabis. Donando per questa campagna sostieni tutte le iniziative di Radicali italiani sull’antiproibizionismo:

  • pressing parlamentare sulla legalizzazione
  • tossicodipendenza in carcere
  • dibattito pubblico sulle droghe
  • riduzione del danno
  • cannabis terapeutica
  • coordinamento europeo sulle droghe

AVVERTENZA: Tenere, regalare, cedere, spedire e vendere semi di cannabis non è reato. Mettere un seme in un vaso, innaffiarlo e coltivare una pianta è un reato punibile con pena della reclusione da due a sei anni e con una multa da 5.164 euro  a 77.468 (art 73 comma 3, Dpr 309/90). Tutte le ipotesi di reato previste dal Testo unico sulle droghe (Dpr 309/90) sono aggravate se riguardano dei minori.

Si ringraziano per i semi:

unnamed dtzidkpr    93

 

Vedi qui tutte le FOTO del lancio del Radical Cannabis Club – 29 gennaio 2017

DONAZIONI

Con una donazione di almeno 10 euro riceverai a casa la tessera del Radical Cannabis Club con un seme di cannabis! Se hai meno di 18 anni puoi richiedere la Tessera Junior (senza seme) a 5 euro, e rimanere aggiornato su tutte le attività.

Puoi pagare anche:

  • con bollettino postale: sul conto corrente postale N°27930015 intestato a Radicali Italiani
  • con bonifico bancario: indirizzato all’Iban: IT79D0832703221000000002380, codice swift ROMAITRR, intestato a Radicali Italiani
  • con carta di credito: cliccando su “paga con PayPal” e scegliendo la modalità “paga con carta”

Dopo il pagamento, ricordati di inviarci i tuoi dati anagrafici e il tuo indirizzo a info@radicali.it per ricevere a casa la tessera.

Donazione

RESTA INFORMATO

Compilando il modulo riceverai una mail per confermare la tua adesione alla campagna.

Se vuoi aggiungere qualche informazione, scrivila qui.
 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

POST COLLEGATI

Press | Comunicati vedi tutti
#referendumAct
#radicaliAlFuturo
#radicalcannabisclub
#sfidaImmigrazione
#parliamone
#europeFirst

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA