Prenota per il Congresso

Regione, Rossodivita: Abbruzzese conferma l’illegittimità del divieto di accesso al protocollo d'intesa Regione - Cri opposto dalla Giunta

Consiglio regionale del Lazio - la Pisana

Dichiarazione del Consigliere regionale Giuseppe Rossodivita, Capogruppo  Lista Bonino Pannella Federalisti Europei

Venerdì scorso il Presidente Mario Abbruzzese ha inviato una lettera al Capo di Gabinetto della Regione Lazio, dr. Giovanni Zoroddu, a sostegno della mia richiesta circa l'accessibilità, in qualità di Consigliere regionale,  alla bozza di protocollo d'intesa tra Regione e Croce Rossa Italiana. 

Il Presidente, facendo una ricognizione delle norme e della giurisprudenza in tema di prerogative dei Consiglieri regionali, afferma che "nessun limite appare opponibile, nel caso specifico, all'istanza del Consigliere Rossodivita" precisando poi che vi è "la necessità di consentire la piena e sollecita esplicazione del diritto di accesso ed estrazione copia del documento richiesto dal menzionato Consigliere regionale." Nell'apprezzare la tempestività del Presidente nell'esprimersi sulla vicenda in oggetto mi auguro che la Giunta, nella persona del Capo di Gabinetto, non voglia perseguire nella strada di un illegittimo, quanto defatigante, ostruzionismo alla attività dei Consiglieri radicali; ne va del rispetto della legalità e, prima ancora,  della leale collaborazione tra le istituzioni regionali, che, ogni giorno di più, questa Giunta mostra di tenere in minima considerazione con nefasti effetti sulla qualità della vita dei cittadini amministrati. 

 


SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Nota sui commenti: i commenti lasciati dagli utenti del sito non vengono ne' censurati ne' verificati in base al contenuto. I commenti con link non vengono pubblicati. Per i commenti si utilizza la piattaforma Diqsus che memorizza sui suoi server tutti i dati degli utenti, compreso l'indirizzo IP in caso di eventuali segnalazioni per abusi o violazioni di legge. Tutti possono lasciare commenti, quindi non c'e' alcuna verifica sull'appartenenza degli utenti al partito o al movimento Radicale.