Prenota per il Congresso

Riforme costituzionali: Senatori Radicali presentano due sospensive. PD e PDL votano contro, IDV e Lega a favore

Costituzione italiana

È iniziata oggi in Senato la discussione generale sui ddl di riforma costituzionale, i Senatori Emma Bonino, Donatella Poretti e Marco Perduca questa mattina hanno presentato due questioni sospensive legate la prima alla riforma della legge elettorale, quanto mai fondamentale per il nuovo scenario proposto colla riduzione del numero dei parlamentari, e sulla riforma dell'articolo 49 che norma lo status dei partiti. La Senatrice Poretti nell'illustrare la sospensiva ha affermato che "la mera riduzione del numero dei parlamentari senza la revisione di una legge elettorale non affronta il vero problema che e' quello tra eletto ed elettore e non dei 'costi della politica' come invece e' stato piu' volte detto.

I Radicali hanno presentato una proposta di riforma elettorale uninominale maggioritaria a doppio turno, si parta da quella." Perduca ha invece ricordato come la riforma "e' frutto di scelte partitocratiche esterne alle dinamiche parlamentari, di quegli stessi partiti che pero' non vogliono darsi regole certe modificando l'articolo 49 della Costituzione. Alla Camera il disegno di legge del Radicale Turco pone le basi per una riforma strutturale dello statuto dei partiti, se l'intenzione e' realmente quella di modificare la Costituzione occorre farlo tenendo presente di tutte le modifiche necessarie." 

 

© 2012 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati



SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Nota sui commenti: i commenti lasciati dagli utenti del sito non vengono ne' censurati ne' verificati in base al contenuto. I commenti con link non vengono pubblicati. Per i commenti si utilizza la piattaforma Diqsus che memorizza sui suoi server tutti i dati degli utenti, compreso l'indirizzo IP in caso di eventuali segnalazioni per abusi o violazioni di legge. Tutti possono lasciare commenti, quindi non c'e' alcuna verifica sull'appartenenza degli utenti al partito o al movimento Radicale.