Prenota per il Congresso

Aborto, Parachini: da oggi basta attacchi alla 194, la legge venga applicata

Legge 194 sull'aborto

Dichiarazione di Mirella Parachini, ginecologa, membro di Direzione Associazione Luca Coscioni, vicepresidente Fiapac 

Non se ne può proprio più di questi continui attacchi alla legge 194. Oggi la decisone della Corte Costituzionale ha definitivamente dato un stop a chi nel mondo medico sabota il servizio d’interruzione di gravidanza e a un Giudice che non conosce la differenza tra sentenza della corte di giustizia e decisione della Corte EDU. Infondate le motivazioni del giudice di Spoleto, ma rilevante il diritto delle donne a interrompere una gravidanza.

Le Regioni da oggi adempiano ai loro compiti stabiliti dalla l.194 vigilando sulla non interruzione del servizio di IVG, istituendo un albo pubblico dei medici obiettori, indicendo Concorsi pubblici riservati a medici non obiettori per la gestione dei servizi di IVG; attuando una deroga al blocco dei turnover nelle Regioni dove i servizi di IVG sono scoperti e utilizzando i medici “gettonati” per sopperire urgentemente alle carenze dei medici non obiettori.

Le donne, che ad oggi a causa di una cattiva applicazione della norma, subiscono illegittimi dinieghi per l’accesso all’IVG poiché non ci sono medici disponibili o non viene somministrata la RU486 denuncino immediatamente l’interruzione impropria di servizio, saranno sostenute dall’Associazione Luca Coscioni.

© 2012 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati



SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Nota sui commenti: i commenti lasciati dagli utenti del sito non vengono ne' censurati ne' verificati in base al contenuto. I commenti con link non vengono pubblicati. Per i commenti si utilizza la piattaforma Diqsus che memorizza sui suoi server tutti i dati degli utenti, compreso l'indirizzo IP in caso di eventuali segnalazioni per abusi o violazioni di legge. Tutti possono lasciare commenti, quindi non c'e' alcuna verifica sull'appartenenza degli utenti al partito o al movimento Radicale.