Droghe/Radicali: Giovanardi è l’ultima persona che può dare lezioni di diritto costituzionale al Governo. La legge Fini-Giovanardi fu imposta al Parlamento tramite il decreto legge per le Olimpiadi di Torino. E Ciampi rimase in silenzio

Parlamento

Oggi il senatore PDL Carlo Giovanardi ha dichiarato, fra l’altro: “E' il Parlamento che puo' decidere di cambiare la linea in materia di politiche antidroga, non certo un Governo tecnico”.

Marco Perduca (senatore radicale) e Giulio Manfredi (Direzione Radicali Italiani):

Giovanardi è l’ultima persona in Italia che puo’ dare lezioni di diritto costituzionale al governo Monti. Nell’inverno fra il 2005 e il 2006, l’allora sottosegretario nel governo Berlusconi con delega alle tossicodipendenze Carlo Giovanardi infarcì il decreto legge per l’organizzazione delle Olimpiadi Invernali di Torino con una nuova legge antidroga che fece praticamente di tutte le erbe un fascio, abolendo le tabelle degli stupefacenti e equiparando sanzioni e pene per tutte le sostanze. Così facendo, Giovanardi e Fini negarono al Parlamento la possibilità di discutere in modo approfondito misure che modificavano, aggravandola, la legge proibizionista. Il decreto legge fu convertito nella legge 49/2006, sedicente “Fini-Giovanardi”, promulgata dall’allora presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi senza che questi eccepisse l’evidente snaturamento dell’istituto del decreto legge, nato per tutt’altro fine (le Olimpiadi Invernali) e che puo’ essere motivato solamente da ragioni di necessità ed urgenza.

Da Giovanardi, vista la sua faccia di bronzo, non ci aspettiamo nessun ripensamento.

Chiediamo, invece, a Gianfranco Fini e a Carlo Azeglio Ciampi un supplemento di riflessione sul loro comportamento di sei anni fa.

© 2012 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati



SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Nota sui commenti: i commenti lasciati dagli utenti del sito non vengono ne' censurati ne' verificati in base al contenuto. I commenti con link non vengono pubblicati. Per i commenti si utilizza la piattaforma Diqsus che memorizza sui suoi server tutti i dati degli utenti, compreso l'indirizzo IP in caso di eventuali segnalazioni per abusi o violazioni di legge. Tutti possono lasciare commenti, quindi non c'e' alcuna verifica sull'appartenenza degli utenti al partito o al movimento Radicale.