Droga, Staderini: Governo convochi conferenza nazionale sulle droghe e la Rai apra un dibattito pubblico

Mix droghe

Dichiarazione di Mario Staderini, Segretario di Radicali Italiani: 

Questa mattina a Napoli un sedicenne è stato arrestato per aver venduto dieci euro di marijuana mentre a Roma due ragazzi di 19 anni sono stati arrestati perché coltivavano in casa tre piante di marijuana a testa. Sono questi alcuni dei 400 mila piccoli spacciatori che in Italia riforniscono 3 milioni di consumatori abituali, per un mercato illegale che garantisce alle mafie un giro d'affari annuo di almeno 24 miliardi di euro.

Sono le storie e i numeri che documentano il fallimento della legge Fini-Giovanardi, con 28 mila persone detenute in carcere per averla violata.

Dati rimossi dalla propaganda a senso unico di questi anni, che ha visto la Rai e Mediaset mobilitate nell’impedire qualsiasi discussione sugli effetti di trent’anni di politiche proibizioniste.

Dal Governo non mi aspetto rivoluzioni ma almeno il rispetto della legge: ad esempio la convocazione, come ho richiesto in una lettera del 19 aprile scorso, della Sesta Conferenza nazionale sulle droghe che il D.P.R. 309/1990 prevede si tenga entro quest’anno, la sede istituzionale  per una verifica imparziale e rigorosa delle politiche in atto in materia di tossicodipendenze.

A Milano, a Napoli e Caserta prosegue intanto la mobilitazione dei Radicali sulle delibere popolari per introdurre politiche di riduzione del danno e “sale salvavita” che rompano il monopolio delle “stanze del buco” della Camorra e della Ndrangheta.

Firma la petizione antiproibizionista contro le mafie delle droghe proibite »

© 2012 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati



SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Nota sui commenti: i commenti lasciati dagli utenti del sito non vengono ne' censurati ne' verificati in base al contenuto. I commenti con link non vengono pubblicati. Per i commenti si utilizza la piattaforma Diqsus che memorizza sui suoi server tutti i dati degli utenti, compreso l'indirizzo IP in caso di eventuali segnalazioni per abusi o violazioni di legge. Tutti possono lasciare commenti, quindi non c'e' alcuna verifica sull'appartenenza degli utenti al partito o al movimento Radicale.