Prenota per il Congresso

Siria, Perduca: dopo revoca onirificenze ad Assad occorre fare tesoro della vicenda pel futuro

Assad

Dichiarazione del Senatore Marco Perduca, co-vicepresidente del senato del Partito Radicale:

"Il Governo ha risposto in modo positivo all'interpellanza urgente che, assieme a 60 senatori avevamo presentato tre settimane fa (ve ne erano altre due di cui quella del Senatore Gramazio sottoscritta da oltre 20 senatori). L'escalation in Siria ha finalmente reso patente l'indegnità di Assad a poter mantenere il titolo di Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana. L'indegnità è ciò che necesssita per attivare il procedimento di revoca e, per bocca del sottosegretario De Mistura oggi è stato reso noto che il Governo ha innescato la procedura la settimana scorsa. 

Occorre però far tesoro di questa vicenda per il futuro politico e diplomatico del nostro paese: infatti non è possibile onorare chicchessia coi massimi riconoscimenti repubblicani, da sempre l'Italia ha intrattenuto cordiali rapporti con autocrati come Ben Ali, Mubarak o Gheddafi; occorre esser vicini politicamente e finanziariamente a chi colla nonviolenza chiede il rispetto dei diritti umani ed esige riforme democratiche come da obblighi internazionali riconosciuti come norme universali; va sempre tenuto presente che da 10 anni esiste la giurisdizione della Corte Penale Internazionale che può essere attivata, seppur come "arma" di ultima istanza, per identificare le responsabilità politiche delle violazioni del diritto umanitario internazionale una potente arma di deterrenza ai conflitti.

L'Italia purtroppo non eccelle in nessuno dei tre campi, anche sulla scorta di quanto di positivo è accaduto oggi, occorre quindi una revisione radicale di scelte politiche e diplomatiche italiane, magari a partire proprio dalla Siria.

 



SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Nota sui commenti: i commenti lasciati dagli utenti del sito non vengono ne' censurati ne' verificati in base al contenuto. I commenti con link non vengono pubblicati. Per i commenti si utilizza la piattaforma Diqsus che memorizza sui suoi server tutti i dati degli utenti, compreso l'indirizzo IP in caso di eventuali segnalazioni per abusi o violazioni di legge. Tutti possono lasciare commenti, quindi non c'e' alcuna verifica sull'appartenenza degli utenti al partito o al movimento Radicale.