Stato-Mafia, Turco: Lumia e Alfano come i Blues Brothers, per conto di chi sono in missione? Ma se dovesse passare per una libera iniziativa sarebbe molto più grave. E inquietante

Corriere della sera

Dichiarazione di Maurizio Turco, deputato radicale:

"In relazione a quanto reso pubblico da Giovanni Bianconi su Il Corriere della Sera, ho presentato con tutti i deputati radicali una interrogazione al Ministro della Giustizia.

Con l'interrogazione si chiede di sapere se il Ministro sia a conoscenza di quanto pubblicato dal Corriere; se il Senatore Giuseppe Lumia e la deputata europea Sonia Alfano avessero un particolare permesso per fare dei colloqui che andassero oltre l’accertamento delle condizioni di detenzione; se corrisponde al vero che Bernardo Provenzano sia stato interrogato, ovvero abbia solo “incontrato” i magistrati della Procura antimafia di Palermo in assenza dell'avvocato e, nel caso sia accaduto, se è conforme alle disposizioni di legge; quali iniziative abbia preso il DAP dopo la prima visita a dir poco anomala e se risulta che la magistratura abbia aperto una inchiesta su dette visite.

In altre parole, ci sono state visite anomale nella forma, nei tempi e nelle modalità. Solo chi ha un particolare lasciapassare può permettersi di trattenersi con i detenuti in 41bis, di parlar d'altro che delle condizioni di detenzione, di farlo in una lingua diversa dall'italiano, di sostituirsi ai magistrati.

Se Lumia e Alfano, come i Blues Brother, sono in missione, per conto di chi lo sono? Se fosse una libera iniziativa sarebbe molto più grave. Ed inquietante.

 


SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Nota sui commenti: i commenti lasciati dagli utenti del sito non vengono ne' censurati ne' verificati in base al contenuto. I commenti con link non vengono pubblicati. Per i commenti si utilizza la piattaforma Diqsus che memorizza sui suoi server tutti i dati degli utenti, compreso l'indirizzo IP in caso di eventuali segnalazioni per abusi o violazioni di legge. Tutti possono lasciare commenti, quindi non c'e' alcuna verifica sull'appartenenza degli utenti al partito o al movimento Radicale.