Notizie dalle associazioni

DDL CIRINNA', SI' ALLE ADOZIONI PER LE COPPIE OMOSESSUALI

Audio/video: Interviste

Il Comitato “Trasparenza è Partecipazione” di Gorizia

L’Assemblea Annuale dell’Associazione Radicale “Trasparenza è Partecipazione” di Gorizia, riunitasi Sabato 16 Gennaio 2016, ha deliberato all’unanimità quanto segue: – Dato il non elevato numero di iscritti e la conseguente non utilità di cariche stabilite, l’Associazione cambia la propria natura statutaria diventando un Comitato, rappresentato da un portavoce, dal mandato variabile, individuato al momento nel segretario uscente Michele Migliori;...

Carcere, metà reclusi in attesa di giudizio

IL MESSAGGERO VENETO (Pordenone) 10/01/2016 – Carcere, metà reclusi in attesa di giudizio Su 58 detenuti, solo 32 condannati con pena definitiva. In aumento i casi di autolesionismo, pochissimi riescono a lavorare I numeri non sono più quelli della famosa ordinanza Bolzonello – quando il Castello ospitava più di 80 persone –, ma il carcere di Pordenone resta sovraffollato. E quasi un detenuto su due non ha una pena definitiva. Uno su quattro è ancora nella condizione di imputato, non può...
IL GAZZETTINO (Pordenone) 10/01/2016 -Il sovraffollamento resta il problema più grande. Delegazione radicale in visita ieri pomeriggio Carcere – Detenuti soprattutto italiani Pordenone – È ancora il sovraffollamento il problema maggiore del carcere cittadino: 58 i detenuti rinchiusi a fronte di una capacità massima di 38. Il che significa 12 persone in ognuna delle 5 celle del pianoterra, per esempio, oltre ai detenuti protetti al secondo piano. A raccontare i “nuovi”...

RADICALI IN VISITA ISPETTIVA AL CARCERE DI PORDENONE

Audio/video: Interviste

Il sovraffollamento resta il problema più grande. Delegazione radicale in visita ieri pomeriggio

Data: Domenica, 10 January, 2016Testo: CARCERE Detenuti soprattutto italiani PORDENONE - È ancora il sovraffollamento il problema maggiore del carcere cittadino: 58 i detenuti rinchiusi a fronte di una capacità massima di 38. Il che significa 12 persone in ognuna delle 5 celle del pianoterra, per esempio, oltre ai detenuti protetti al secondo piano. A raccontare i "nuovi" numeri del penitenziario è stata la delegazione radicale che ieri pomeriggio lo ha visitato, composta da Stefano...

"Un dossier per Mattarella e Renzi sulle condizioni della giustizia"

Data: Domenica, 10 January, 2016Testo: «Bisogna intervenire sulla giustizia nel suo complesso. Il proibizionismo non ha dato i risultati sperati e i tempi dei processi, sono ancora inaccettabile». Anche e soprattutto da questi aspetti, secondo i Radicali (in foto Stefano Santarossa), dipende il problema del sovraffollamento delle carceri in Italia e in questo quadro Pordenone non è comunque nelle posizioni peggiori. «Su questi temi stiamo preparando un dossier, a livello nazionale,...

Carcere, metà reclusi in attesa di giudizio

Data: Domenica, 10 January, 2016Testo: Su 58 detenuti, solo 32 condannati con pena definitiva. In aumento i casi di autolesionismo, pochissimi riescono a lavorare I numeri non sono più quelli della famosa ordinanza Bolzonello – quando il Castello ospitava più di 80 persone –, ma il carcere di Pordenone resta sovraffollato. E quasi un detenuto su due non ha una pena definitiva. Uno su quattro è ancora nella condizione di imputato, non può contare nemmeno su un giudizio di primo grado....

Santarossa: il sindaco difende il biogas senza dare dati

Data: Venerdì, 8 January, 2016Testo: SAN QUIRINO - «Il sindaco rettifichi, si espone senza conoscere i dati», ammonisce Stefano Santarossa, leader dei Radicali locali, mentre il sindaco Corrado Della Mattia, confermo quanto ha detto: «dall'impianto di San Foca solo Biogas, nessuna sostanza tossica». È dunque ancora battaglia sulla centrale a Biogas della frazione. Ad attaccare stavolta è stato Santarossa, contestando le dichiarazioni rese dal sindaco al Gazzettino. «Della Mattia - ha...

BIOGAS, CEMENTIFICI CHE BRUCIANO RIFIUTI, FALO'..LA DIFESA DELLA SALUTE E' UN OPTIONAL

Comunicati stampaTesto: Il governo italiano attraverso le regioni, le provincie, i comuni e tutti gli enti interessati è colpevole di aver autorizzato centrali a biogas/biomasse per la produzione di energia elettrica (energia tra l'altro molto molto discutibile...) , cementifici che diventano inceneritori di rifiuti, attività come la 'ferriera' di Servola a Trieste più inquinante dell' Ilva di Taranto, e chi più ne ha più ne metta... E quasi tutti questi impianti sorgono in mezzo alle case...