PER CONGRESSO PARTITO RADICALE

Notizie dalle associazioni

Sbarchi e tragedie in mare, serve Commissario UE per il Mediterraneo, dove è finita lady Mogherini?

Audio/video: Interviste

SANTAROSSA (RADICALI): MAIS OGM, LA PAROLA ALLA SCIENZA

Audio/video: Interviste

Gorizia – Michele Migliori riconfermato segretario

Gorizia 7 febbraio 2015 L’assemblea dei soci dell’Associazione Radicale Trasparenza è Partecipazione ha confermato il direttivo uscente: Michele Migliori segretario, Lorenzo Cenni tesoriere e Pietro Pipi presidente. La mozione approvata: L’Associazione Radicale “Trasparenza è Partecipazione” di Gorizia, riunita in assemblea annuale dei soci, ribadendo il proprio sostegno nei confronti di Rita Bernardini, Valerio Federico e Riccardo Magi, eletti rispettivamente segretario, tesoriere...

Ogm vietati, se l`Italia rinuncia alla scienza

Data: Sabato, 7 February, 2015Testo: Un agricoltore friulano, Giorgio Fidenato, da tempo sta portando avanti una battaglia: vuole coltivare una varietà di mais ogm, il Mon 810, resistente ad alcune specie di lepidotterei (ma anche coleotteri e ditteli), tra cui la piralide, un insetto minatore. Questo insetto minatore danneggia seriamente il mais, perché scava delle gallerie nelle pannocchie. Questa varietà è usata da vent`anni in molte parti del mondo e funziona: non fa male, come...

Carceri sovraffollate. I dubbi dei Radicali

Data: Sabato, 7 February, 2015Testo: «Normativa inoperante nei fatti» PORDENONE - I Radicali italiani intervengono sul sovraffollamento delle carceri dopo la notizia del ricorso europeo vinto da un detenuto pordenone. Lo fanno con la segretaria nazionale Rita Bernardini, che definisce «una truffa la legge sui rimedi risarcitori» e Stefano Santarossa, membro del comitato nazionale dei radicali. «La Corte di Strasburgo minacciava gravi sanzioni pecuniarie verso l'Italia - afferma...

La cella è piena: pena scontata

Data: Venerdì, 6 February, 2015Testo: IL CASO Il giudice di sorveglianza evita il ricorso alla Corte europea per «carcerazione inumana e degradante» Stipato in una cella con spazi ridottissimi, meno di tre metri quadrati per ogni detenuto. Flavio Celotto, 42 anni di Prata, in carcere a Belluno, dove sta espiando una pena per bancarotta semplice e uso indebito di carta di credito, non ha dovuto rivolgersi alla Corte europea dei diritti dell’uomo per denunciare di essere stato “...

Sovraffollamento al Castello. Per evitare le contestazioni celle aperte durante il giorno

Data: Venerdì, 6 February, 2015Testo: PORDENONE - Il caso accaduto a Belluno è senza dubbio emblematico anche per il Castello di Pordenone, dove da anni, oramai, le celle sono sovraffollate e le lamentele dei detenuti sono costanti. Non solo. Le numerose visite che sono state fatte dai Radicali o da altri parlamentari, hanno sempre evidenziato una presenza di detenuti che - quando va bene - sono almeno superiori del 30 per cento. Come dire che con le nuove disposizioni che hanno...

Erano in troppi nella cella. Sconto di pena al detenuto

Data: Venerdì, 6 February, 2015Testo: Stipato in una cella con spazi ridottissimi, meno di tre metri quadrati per ogni detenuto. Flavio Celotto, 42 anni di Prata, in carcere a Belluno, dove sta espiando una pena per bancarotta semplice e uso indebito di carta di credito, non ha dovuto rivolgersi alla Corte europea dei diritti dell’uomo per denunciare di essere stato “sottoposto a un trattamento inumano e degradante”. Il risarcimento lo ha ottenuto dal magistrato di sorveglianza di...

Comuni, sondaggio online sulla fusione con Vivaro

Data: Mercoledì, 4 February, 2015Testo: SAN QUIRINO - Un sondaggio online, da indire direttamente nella pagina del sito comunale. Sì o no alla fusione con Vivaro, la parola ai cittadini. E' questa l'idea lanciata da Stefano Santarossa, radicale di "San Quirino Cambia", e a quanto sembra accolta positivamente dal sindaco, Corrado Della Mattia. Da una prima chiaccherata, quindi, l'argomento fusione ha già fatto progressi. La politica locale ne parla e una riunione in scena lunedì sera...

La leggenda del santo donatore. I milioni di Pannella ai radicali

Data: Lunedì, 2 February, 2015Testo: LA STORIA Malgrado le sue 5 legislature non ha maturato il vitalizio È il 19 settembre del 1988. Allo stadio Mu Dung di Gwangju, in Corea del Sud, gli azzurri perdono 4 a zero con lo Zambia. Ma Marco Pannella della clamorosa sconfitta italiana se ne infischia. Quello che gli preme è sottolineare gli eccessivi compensi del calcio nazionale. Per questo, in segno di protesta contro il fenomeno, devolve tutto il suo stipendio di parlamentare ai...