S.O.S. Radicali Italiani. Campagna straordinaria e urgente di autofinanziamento

Tessera Radicali Italiani 2012

“Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci”. È la frase di Gandhi che abbiamo deciso di riportare sulla tessera di Radicali italiani di quest’anno (che puoi vedere qui in alto), assieme al celebre quadro di Francisco Goya “Le fucilazioni del 3 maggio 1808”. Abbiamo cercato in questo modo di comunicare, con una combinazione di immagini e parole forte e non scontata, la gravità della situazione in cui noi militanti della libertà, del diritto e della nonviolenza ci troviamo, ma anche la assoluta necessità di non arrendersi, di non perdere mai la speranza, di proseguire, cocciuti come siamo, le nostre lotte, di potere cambiare le cose, cambiare e migliorare la vita delle persone: questo, per noi, è vincere.

Ed è per questo che torniamo a scriverti, chiedendoti di dedicare pochi minuti del tuo tempo alla lettura di questa lettera: abbiamo bisogno del tuo sostegno, oggi. Ne abbiamo bisogno adesso, subito, per non essere costretti a interrompere 

d a v v e r o , tra pochi giorni, all’inizio del mese di giugno, le attività del nostro Movimento.

Abbiamo bisogno del tuo sostegno, oggi. Clicca per dare il tuo sostegno »

Un breve passo indietro. Dal Congresso del novembre scorso abbiano cercato di portare avanti una strategia complessiva e coerente di riforme economiche, sociali ed istituzionali: dalla riforma della giustizia alla riforma in senso uninominale maggioritario della legge elettorale; dal diritto alla restituzione dei contributi silenti alla lotta contro i ritardi dei pagamenti nelle transazioni commerciali, con cui le grandi imprese e la pubblica amministrazione mandano in rovina tanti piccoli imprenditori onesti; dall’Iva per cassa (Iva esigibile solo al momento dell’effettiva riscossione del corrispettivo) alla moratoria triennale sull’articolo 18 per i nuovi assunti nelle imprese fino a trenta dipendenti, sino alle proposte per un welfare universale, a cui possano accedere tutti coloro che restano disoccupati, e non solo coloro che lavorano per le grandi imprese; dal nuovo diritto di famiglia a una diversa concezione del diritto d’autore; dall’abbattimento del debito ecologico che si è accumulato in questi anni alla necessità di una scossa antiproibizionista e libertaria che consenta a ciascun individuo di perseguire il pieno sviluppo della propria personalità.

Negli ultimi tre anni, come sai, Radicali italiani è riuscito a vivere e a operare esclusivamente grazie al denaro proveniente dalle iscrizioni e dai contributi, per di più senza contrarre nuovi debiti (clicca qui per leggere il bilancio approvato dal X Congresso). Tuttavia, al 14 maggio 2012 contiamo 847 iscritti (–134) e 261 contribuenti (+58) per un totale di 126.965,06 euro raccolti (–16.422,11). Tra la crisi economica, che morde e fa male, e la mancanza di informazione, nelle casse del Movimento sono rimasti 15.917,24 euro, quanto basta per andare avanti, a stento, un mese. Per questo l’ultimo Comitato nazionale di Radicali italiani ha fissato l’obiettivo (minimo, ma indispensabile!) del raddoppio degli iscritti, o di una raccolta straordinaria di autofinanziamento di ammontare almeno equivalente, entro il 15 giugno.

Per fare cosa? Per offrire al Paese un progetto di governo attraverso iniziative referendarie nazionali – a partire dall’abolizione della legge-truffa sui rimborsi elettorali e della legge Fini-Giovanardi - che possano determinare una rottura con il sessantennio partitocratico e verificare la praticabilità per una campagna di raccolte firme da avviare nel prossimo mese di ottobre. E, più a breve termine, per avere la forza di lanciare, proprio il 15 giugno prossimo, da Padova, con le piccole e medie imprese, Marco Pannella, Emma Bonino, Giuseppe Bortolussi della Cgia di Mestre, associazioni come Imprese che resistono e altri ancora, un appello al Presidente del Consiglio, Mario Monti, affinché sia data soluzione al problema, drammatico, dei ritardi nei pagamenti e dell’Iva per cassa, per difendere le imprese sane e competitive e l’occupazione che queste creano, e per difenderci tutti da uno Stato che quando deve incassare vuole essere pagato subito, ma quando deve essere lui a pagare, lo fa con anni di ritardo.

Ti salutiamo con un appello, in questo caso... a te: non molliamo, crediamoci, moltiplichiamoci, perché il nostro destino dipende da noi. Più di quanto, a volte, possiamo pensare. Possiamo farcela, se ci attiviamo subito. Aspettiamo il tuo contributo!

Ecco come puoi fare: con una semplice telefonata al numero 06-6826 o seguendo le istruzioni che trovi qui. La quota di iscrizione a Radicali italiani è di 200 euro (55 centesimi al giorno, meno di un caffè!), e puoi versarla anche a rate. Ti saremo comunque grati se vorrai versare un contributo libero, donando quanto puoi.

Grazie, un caro abbraccio

Mario Staderini, Michele De Lucia, Silvio Viale

Abbiamo bisogno del tuo sostegno, oggi. Clicca per dare il tuo sostegno »

SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Nota sui commenti: i commenti lasciati dagli utenti del sito non vengono ne' censurati ne' verificati in base al contenuto. I commenti con link non vengono pubblicati. Per i commenti si utilizza la piattaforma Diqsus che memorizza sui suoi server tutti i dati degli utenti, compreso l'indirizzo IP in caso di eventuali segnalazioni per abusi o violazioni di legge. Tutti possono lasciare commenti, quindi non c'e' alcuna verifica sull'appartenenza degli utenti al partito o al movimento Radicale.