Prenota per il Congresso

1 miliardo di €? In nome della legge, Monti tagli l'8xmille!

clero mangia ricchezzaLettera al premier Mario Monti, l'oggetto? Una spending review molto particolare: la revisione dell'8 x mille, che impone allo Stato italiano di versare ogni anno più di 1 miliardo di € alla Chiesa cattolica.

È la legge in vigore a prevederlo! Infatti le stesse norme istitutive dell'8 x mille includono la possibilità di rivedere l'importo nel caso in cui esso cresca eccessivamente rispetto alle finalità previste. Negli ultimi 20 anni l'importo dell'8 x mille si è quintuplicato: nel 2012 nelle casse della Cei è entrato più di 1 miliardo contro i 200 milioni del 1990!

Ovviamente per i radicali la soluzione migliore sarebbe l'abolizione dell'8 x mille, tuttavia per operarne il dimezzamento non servirebbe alcun intervento legislativo. Dimezzare l'aliquota significherebbe per lo Stato italiano risparmiare 500 milioni di €, soprattutto in tempi i cui la crescita dell’otto per mille è evidentemente incompatibile con la situazione economica del Paese.

Invia anche tu una mail al Governo Monti per chiedergli di dimezzare l'8 per mille: bastano pochi click! Invia la lettera al Governo»

Signor Presidente,

il Governo sta svolgendo una revisione della spesa pubblica per recuperare fondi utili alla riduzione del debito pubblico e alle riforme.

Voglio per questo porre alla Sua attenzione la vicenda dell’otto per mille, ovvero la quota dell’Irpef degli italiani che ogni anno viene sottratta al bilancio statale per essere ripartita tra sette soggetti, di cui sei confessioni religiose.

Come per i partiti, sono convinto che anche per le Chiese sia preferibile un sistema che anziché fondarsi sul finanziamento pubblico si basi sulle sottoscrizioni dirette dei fedeli senza oneri per lo Stato. Non mi rivolgo a Lei, però, perché cancelli il sistema dell’8 per mille o ne muti i meccanismi illiberali che costringono la maggioranza dei contribuenti che non esprime una scelta a finanziare comunque  le confessioni religiose.

Le chiedo semplicemente di far rispettare la legge vigente (la n. 222/85), il cui articolo 49 prevede la riduzione dell’aliquota qualora il gettito dell’8 per mille si modifichi nel tempo ed ecceda dalla soddisfazione delle finalità previste.

Ebbene, il gettito dell’8 per mille è cresciuto esponenzialmente nel tempo, arrivando alla cifra abnorme di 1,1 miliardi di euro l’anno. La Conferenza episcopale italiana, che nel 1990 incassava 210 milioni di euro, a partire dal 2002 riceve oltre 1 miliardo di euro. In pratica, il gettito dell’otto per mille si è quintuplicato, mentre nello stesso periodo le spese per il sostentamento del clero (la principale destinazione cui la legge vincola l’uso dei fondi) sono poco più che raddoppiate (dai 145 milioni di euro del 1990 ai 363 milioni del 2012). Peraltro, per i prossimi anni è prevedibile un ulteriore aumento del valore dell’otto per mille in virtù della crescita del gettito complessivo Irpef dovuto alla maggiore pressione fiscale e alla lotta all’evasione.

Dal 1990 ad oggi la CEI, da sola, ha incassato 17 miliardi di euro (2 miliardi dei quali sono stati investiti per la costruzione di nuove chiese). Le attuali cifre sono talmente alte che la stessa CEI nell’ultimo anno ha accantonato come fondo di riserva ben 55 milioni di euro.

Secondo la legge vigente, dunque, l’aliquota deve essere ridotta. La procedura prevista affida la prima valutazione a una Commissione bilaterale istituita presso la Presidenza del Consiglio, le cui relazioni sono scandalosamente sottratte a qualsiasi forma di conoscenza. È di tutta evidenza, però, che la crescita dell’otto per mille sia incompatibile con l’attuale situazione economica del Paese, oltre che con le norme.

Per questo motivo Le chiedo di avviare direttamente la procedura prevista dalla legge, formalizzando la richiesta alla CEI al fine di procedere di comune accordo a una immediata riduzione dell’aliquota, ad esempio passando dall’otto al quattro per mille. Si tratterebbe per lo Stato di un risparmio annuo di almeno 500 milioni di euro.

Sono convinto che tale richiesta, che ha il pregio di rimanere all’interno degli accordi già esistenti con la Santa Sede, non potrebbe che ricevere attenzione da parte dei rappresentanti di istituzioni che si richiamano all’insegnamento cristiano della povertà.

Con osservanza

Mario Staderini (Segretario di Radicali Italiani)

Leggi il dossier sull'8xmille di Mario Staderini
Leggi il segreto di stato sull'8 x mille

 

17 miliardi in 22 anni. Ecco come la CEI ha speso i nostri soldi

 

Dal 1990 al 2012 è diminuito il peso in percentuale della spesa per il sostentamento del clero (dal 69% al 32%) e sono aumentate tutte le altre voci. L'unica voce rimasta uguale è "Terzo mondo" (sempre 7%). 

La voce che è aumentata di più (sia in termini relativi, dal 2 all’11%, che assoluti) è quella “Iniziative di rilievo nazionale” (da non confondersi con iniziative nazionali per la carità), ovvero interventi per il culto e la pastorale, la catechesi e l’educazione cristiana gestiti dalla Presidenza della CEI. Una voce dietro alla quale spesso si nasconde attività che per noi sono di fatto di propaganda politica e culturale (rientrano in questa voce i soldi a sostegno di associazione per la promozione delle famiglie –come il Forum della associazioni familiari da cui nacque il Comitato scienza e vita-, la promozione di associazioni nel campo dei mass media –che intervengono spesso su fatti di morale).

Per i Tribunali ecclesiastici regionali si è arrivati a stanziare 12 milioni di euro l’anno per annullare i matrimoni religiosi. 

Tra gli interventi caritativi di rilievo nazionale ci sono anche i fondi a sostegno dei Centri di aiuto alla vita e alle associazioni in difesa della vita.



SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Nota sui commenti: i commenti lasciati dagli utenti del sito non vengono ne' censurati ne' verificati in base al contenuto. I commenti con link non vengono pubblicati. Per i commenti si utilizza la piattaforma Diqsus che memorizza sui suoi server tutti i dati degli utenti, compreso l'indirizzo IP in caso di eventuali segnalazioni per abusi o violazioni di legge. Tutti possono lasciare commenti, quindi non c'e' alcuna verifica sull'appartenenza degli utenti al partito o al movimento Radicale.