Ai ladri piacciono i Radicali Rubato il gazebo di Cordusio

Dalla Rassegna stampa

La notte scorsa è stato smontato e rubato un gazebo dei Radicali allestito perla raccolta delle firme su cinque delibere di iniziativa popolare. Il tendone era in piazza Cordusio e ieri mattina, quando i sostenitori del referendum si sono presentati al gazebo, non hanno trovato più nulla. Non solo, i ladri, come denunciato alla Digos, si sono pure portati via il materiale informativo e i moduli per la raccolta delle sottoscrizioni. Tra i progetti promossi dai Radicali ci sono la prostituzione autogestita, con tanto di partita iva da parte delle escort e scontrino fiscale ai clienti, e la stanza del buco per i tossicodipendenti, con l'obbiettivo di garantire norme igieniche ed evitare lo scambio di siringhe. I radicali promuovono anche il testamento biologico e il registro dei malati tumorali, la contabilizzazioni dei beni pubblici e la salvaguardia del paesaggio. La raccolta di firme era stata avviata da Emma Bonino e Marco Cappato ed ora erano in pista i giovani radicali a proseguire la campagna pro delibera.

© 2012 Il Giornale - ed. Milano. Tutti i diritti riservati

SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni i Radicali Italiani con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Ti potrebbe interessare anche:

Dichiarazione di Roberto Biscardini e Marco Cappato a nome della Lista Civica Costituente per la Partecipazione - la Città dei Comuni"Dopo la maratona sugli emendamenti non abbiamo partecipato alla votazione finale sullo Statuto per manifestare il nostro dissenso sia rispetto a una legge che...
Dichiarazione di Roberto Biscardini e Marco Cappato a nome della Lista civica Costituente per la Partecipazione - la città dei Comuni:Abbiamo appena depositato 97 emendamenti alla bozza di Statuto della Città metropolitana. Li abbiamo inviati ai 2mila consiglieri comunali dei quali abbiamo gli...
Dichiarazione di Marco Cappato, presidente del Gruppo radicale - Federalista europeo al Consiglio comunale di Milano:"Per la prima volta in Italia, le multe per le affissioni elettorali abusive in una grande città sono state pagata da alcuni dei destinatari dei verbali. A tre anni e mezzo dai fatti...