Ai ladri piacciono i Radicali Rubato il gazebo di Cordusio

Dalla Rassegna stampa

La notte scorsa è stato smontato e rubato un gazebo dei Radicali allestito perla raccolta delle firme su cinque delibere di iniziativa popolare. Il tendone era in piazza Cordusio e ieri mattina, quando i sostenitori del referendum si sono presentati al gazebo, non hanno trovato più nulla. Non solo, i ladri, come denunciato alla Digos, si sono pure portati via il materiale informativo e i moduli per la raccolta delle sottoscrizioni. Tra i progetti promossi dai Radicali ci sono la prostituzione autogestita, con tanto di partita iva da parte delle escort e scontrino fiscale ai clienti, e la stanza del buco per i tossicodipendenti, con l'obbiettivo di garantire norme igieniche ed evitare lo scambio di siringhe. I radicali promuovono anche il testamento biologico e il registro dei malati tumorali, la contabilizzazioni dei beni pubblici e la salvaguardia del paesaggio. La raccolta di firme era stata avviata da Emma Bonino e Marco Cappato ed ora erano in pista i giovani radicali a proseguire la campagna pro delibera.

© 2012 Il Giornale - ed. Milano. Tutti i diritti riservati

SEGUICI
SU
FACEBOOK

Ti potrebbe interessare anche:

Dichiarazione di Marco Cappato e Edoardo Croci, a nome del Comitato referendario Milanosìmuove:   "Siamo entrati nella fase finale del processo di valutazione dei quesiti referendari, depositati a luglio. Dopo i rilievi degli uffici sulla fattibilità tecnica, nei giorni scorsi abbiamo...
Un comitato formato da associazioni, cittadini e personalità ha chiesto al Sindaco di Milano di intitolare un luogo significativo della città (parco, via, passaggio) ad Alexander Langer, nel ventennale dalla sua scomparsa. L'idea di fare tale richiesta è nata il 15 ottobre...
"Proseguono le raccolte di firme per la cannabis terapeutica e per il testamento biologico, con quattro banchetti previsti per il prossimo fine settimana a Milano. L'iniziativa è stata lanciata lo scorso luglio da Radicali Italiani, che insieme all’Associazione Luca Coscioni, a Possibile e all’...