UN CONTRIBUTO DI LIBERTÀ

Bordin line

Dalla Rassegna stampa

Mario Adinolfi è un tipo che può anche non riuscire simpatico. Per dire, giorni fa è intervenuto su Facebook, dove è saldamente presente, autocelebrando il suo quinto anno di attività su Twitter e trattando da parvenu la sua vasta platea di contatti. Prevedibile la reazione della platea, divisasi fra una minoranza che si è limitata a sfotterlo e una larga maggioranza che si è abbandonata a insulti, talora ferocemente articolati. Insomma, questo è il personaggio. Ora dovrebbe entrare alla Camera, subentrando a un deputato del Pd che deve per legge dimettersi dopo essere stato eletto sindaco. Per la verità Adinolfi ha da tempo lasciato il Pd, ma non disdegnerebbe di divenire membro della casta ora da lui aborrita. Solo che il neo sindaco non ha al momento intenzione di lasciare lo scranno da deputato e il segretario del Pd, interpellato, ha demandato la decisione al gruppo parlamentare. E non alla legge che in proposito parla chiaro. Morale della favola: il Pd è riuscito perfino con Adinolfi a mettersi dalla parte del torto.

© 2012 Il Foglio. Tutti i diritti riservati

SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni i Radicali Italiani con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Ti potrebbe interessare anche:

Dichiarazione di Marco Cappato, promotore della legge popolare per l'eutanasia legale e Tesoriere dell'associazione Luca Coscioni:"La ministra Lorenzin, rispondendo alla interrogazione della parlamentare Marisa Nicchi di Sel, ha sottolineato come il tema del fine-vita sia considerato dal governo...
Sarà possibile per i cittadini interagire online. Tutto sarà pubblicato, tutto sarà chiaritoIl segretario Associazione radicale Adelaide Aglietta, Giulio Manfredi, rende noto che il primo aprile, e solo il primo aprile, il sito web della Regione Piemonte dedicato alla “Sede Unica” in fase...
Martedi 31 marzo con una votazione all’unanimità il Consiglio Regionale del Piemonte ha approvato definitivamente, in seconda lettura, la proposta di legge presentata dal gruppo M5S, primo firmatario Davide Bono, per modificare le norme dello Statuto che impediscono la pubblicità delle sedute delle...