Bordin line

Dalla Rassegna stampa

Mario Adinolfi è un tipo che può anche non riuscire simpatico. Per dire, giorni fa è intervenuto su Facebook, dove è saldamente presente, autocelebrando il suo quinto anno di attività su Twitter e trattando da parvenu la sua vasta platea di contatti. Prevedibile la reazione della platea, divisasi fra una minoranza che si è limitata a sfotterlo e una larga maggioranza che si è abbandonata a insulti, talora ferocemente articolati. Insomma, questo è il personaggio. Ora dovrebbe entrare alla Camera, subentrando a un deputato del Pd che deve per legge dimettersi dopo essere stato eletto sindaco. Per la verità Adinolfi ha da tempo lasciato il Pd, ma non disdegnerebbe di divenire membro della casta ora da lui aborrita. Solo che il neo sindaco non ha al momento intenzione di lasciare lo scranno da deputato e il segretario del Pd, interpellato, ha demandato la decisione al gruppo parlamentare. E non alla legge che in proposito parla chiaro. Morale della favola: il Pd è riuscito perfino con Adinolfi a mettersi dalla parte del torto.

© 2012 Il Foglio. Tutti i diritti riservati

SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni i Radicali Italiani con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Ti potrebbe interessare anche:

Il messaggio di Marco Cappato per l’invito all’appuntamento del 29 agosto: All'attenzione dei consiglieri che ci hanno risposto manifestando interesse per la lista civica Care Consigliere e cari Consiglieri, come alcuni di voi già sanno, l'impegno che stiamo portando avanti (assieme a Edoardo Croci...
  Dichiarazione Filomena Gallo segretario associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica soggetto costituente il Partito radicale.   Il ripristino dell' eterologa ha fatto emergere che a differenza di quanto accadeva prima, la legge 40 prevede che la fecondazione...
Proponiamo di seguito il documento, in versione pdf, redatto da Massimiliano Iervolino, Membro della Direzione di Radicali Italiani e autore di libri quali "Default Lazio", "Il rifiuto del sud", "Roma la Guerra dei rifiuti" e “Con le mani nella monnezza”. In esso la sintesi dell'analisi radicale...