UN CONTRIBUTO DI LIBERTÀ

Bordin line

Dalla Rassegna stampa

Difficilmente, purtroppo, la rimozione del segreto di stato illuminerà moventi e responsabili della strage di Bologna. Del resto in trent'anni non è ancora ben chiaro se e quanto siano significativi a questo preciso scopo i documenti coperti nei quali l'indagine si è imbattuta. In ogni caso la recente approvazione di nuove norme relative al segreto dovrebbe offrire le garanzie necessarie. A prescindere dalle polemiche sulla sentenza della strage del 1980, la legge di riforma dei servizi appena votata mostra uno sforzo di allineamento a modelli più moderni e democratici. Un segnale era già arrivato qualche settimana fa con la presentazione pubblica di un "Dizionario dell'intelligence" preparato dai servizi stessi per mettere a fuoco e pubblicizzare i parametri di una politica per la sicurezza. Iniziativa di stampo anglosassone voluta dal neo sottosegretario con delega De Gennaro. L'impressione è che si voglia voltare pagina rispetto agli ultimi quarant'anni iniziati con "l'agente Z" e finiti, si spera, con "l'agente Betulla". È difficile essere ottimisti, vista l'esperienza, ma il tentativo va segnalato.

© 2012 Il Foglio. Tutti i diritti riservati

SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni i Radicali Italiani con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Ti potrebbe interessare anche:

Dichiarazione di Giulio Manfredi, segretario Associazione radicale Adelaide Aglietta: Scorrendo nomi e biografie dei nuovi 16 direttori generali delle Asr piemontesi – sempre ammesso che tutti accettino il posto – i conti sono presto fatti: un forte segnale di discontinuità...
Dichiarazione di Riccardo Magi, Presidente di Radicali italiani e Consigliere Comunale a Roma, e Alessandro Capriccioli, Segretario di Radicali Roma: "Se i contenuti dell'ordinanza balneare firmata dal sindaco Marino fossero davvero quelli fatti circolare in queste ore, ci troveremmo davanti a un...
Comunicato Stampa dell’Associazione Radicale Certi Diritti:"Con il no a Laurent Stefanini, cattolico praticante oltre che gay, Papa Francesco compie una pura e semplice discriminazione basata sull’orientamento sessuale del diplomatico nominato dall’Eliseo ambasciatore di Francia presso la Santa...