Disinfestiamo il calcio, prima che sia tardi

Dalla Rassegna stampa

In attesa di poter pesare finalmente i fatti, si possono cominciare a pesare le parole. Erano state molto dure quelle pronunciate ier l'altro da Gigi Buffon, che della Nazionale non è soltanto il portiere ma è soprattutto il capitano. Sono in compenso molto lievi quelle cui ha fatto ricorso Cesare Prandelli, che della Nazionale stessa è il commissario tecnico, e da ieri fa ufficialmente rima con sfigatelli.

Buffon se l'era presa, nientemeno, con stampa e magistratura. Senza dedicare un solo accento, come dire, ai compagni che sbagliano. Anzi, agli amministrati che sbagliano, visto che da un paio di settimane il portiere azzurro è anche vicepresidente dell'associazione italiana calciatori.

Strano però, proprio per un portiere, pensare che la miglior difesa sia l'attacco. A maggior ragione se, preparando la partita, non si tien conto del pericolo di un contropiede improvviso, quale quello messo a segno ieri dall'informativa della Guardia di finanza. Non è indagato Buffon, e continua a valere per lui come per tutti la presunzione d'innocenza. Ma se dopo aver dato una scorsa alle cronache qualcuno dovesse concludere che in materia di maîtres à penser se ne son visti di più autorevoli, beh, potrebbe non essere del tutto fuori strada.

Prandelli in compenso non se l'è presa con nessuno. Se non, per l'appunto, con quei pochi sfigatelli che rovinano l'immagine del nostro calcio. Pochi sfigatelli? Nessuno pretende da un commissario tecnico la lettura degli atti giudiziari, visto che c'è già da tanto da fare con le palle inattive. Ma un'occhiata al quadro d'insieme no? Alle proporzioni del fenomeno neppure? E già che ci siamo, perché Criscito no e Bonucci sì?

Alla fine, anzi all'inizio di questa scopertura di una fogna in piena regola, dove c'è spazio per esempio per un'intercettazione in cui Sculli parla di Toni con un pregiudicato dicendo «ho certe sue foto», come un Corona qualsiasi, e chissà che almeno non arrossisca chi lo dipinse come un eroe, Sculli, per aver parlamentato con gli ultras il giorno della vergogna di Marassi, alla fine le uniche parole di questi giorni che abbiano avuto un senso compiuto sono quelle pronunciate da Mario Monti. Già il solo fatto che il Professore, per una volta, avesse rinunciato ai suoi toni flautati e anziché al fioretto dell'ironia, o del sarcasmo, avesse fatto ricorso alla clava, qualcosa doveva pur significare. Poi sui due-tre anni piuttosto che sui due-tre mesi si può anche ragionare. Purché sia il tempo necessario alla disinfestazione.

© 2012 Il Sole 24 Ore. Tutti i diritti riservati

SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni i Radicali Italiani con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Ti potrebbe interessare anche:

Giulio Manfredi, Direzione Radicali Italiani: “Sette giorni fa richiedemmo al premier Renzi, che ha riservato a sè le deleghe sulle dipendenze, di mandare a casa il Prof. Giovanni Serpelloni, Capo del Dipartimento Antidroga, e due giorni dopo Serpelloni è stato riassegnato all’ASL di Verona, da cui...
Alessandro Massari, Direzione nazionale di Radicali Italiani Nel corso dell’ultimo comitato di Radicali Italiani abbiamo denunciato la nuova forma - privata - che la politica e i partiti hanno adottato in questi ultimi 20 anni per mantenere il controllo delle più importanti società italiane. La...
Dichiarazione di Silvio Viale, responsabile del Servizio per IVG dell’Ospedale Sant’Anna di Torino, sugli sviluppi e le polemiche collegate alla morte di una donna all’Ospedale Martini di Torino: “Prima di tutto la si smetta di titolare “Donna morta dopo la RU486...