Le interviste antisemite nella sede dell'Fnsi

Dalla Rassegna stampa

 

Sembra incredibile ma lo scorso 22 luglio nella gloriosa sede della Fnsi a Roma, quella di Corso Vittorio Emanuele II, 349, si è svolta un'intervista di sapore tipicamente anti semita, a cura della giornalista Giovanna Canzano, all' "esperto" di economia Giorgio Vitali. Questo è il link dove potrete vedere e giudicare con i vostri occhi il tutto (http://video.aol.ca/video-detail/giovanna-canzano-intervista-giorgio-vitalimov/ 36028864198781865). Noi possiamo solo riportare quello che abbiamo fatto fatica a credere di avere davvero udito. La giornalista Canzano è una militante di questi movimenti della nuova destra, più o meno sociale, ed esordisce così: "siamo con Giorgio Vitali preso la sede della Federazione nazionale della stampa italiana per una conferenza dal titolo "La crisi economica internazionale ed italiana"..sentiamo Giorgio Vitali cosa ci dice di questa conferenza stampa". Parola all'intervistato: "siccome prevedo di essere ascoltato da persone che già sanno tante cose è inutile che mi dilungo... mi limito soltanto a dire che la crisi internazionale finanziaria che è scoppiata qualche anno fa è stata ampiamente voluta dalle forze della lobby... soprattutto della lobby ebraica che ha in mano la finanza internazionale e che ha utilizzato la crisi per sostenere il progetto di aggressione all'Iraq e all'Afghanistan e probabilmente anche all'Iran... questo è il progetto globale... tuttavia il fatto che questa crisi che è anche legata al fatto che il potere finanziario può stampare la carta moneta che vuole... e vendere, quando noi parliamo di signoraggio, parliamo di vendita della carta moneta ai cittadini... questa situazione ha allarmato tutti i popoli i quali si sono resi conto da una parte di essere vittime di un'enorme rapina e dall'altra parte hanno cominciato a prendere in considerazione le teorie delle tante persone che già da un secolo e mezzo cercavano di rendere edotta la popolazione mondiale di quanto si tramava alle loro spalle. A questo punto devo dire una cosa che colpisce molto ma che mi hanno dato la notizia solo questa mattina: in Francia hanno coniato una moneta metallica da 25 euro.. fatto di grande innovazione perché per convenzione internazionale la moneta metallica è fatta dallo stato nell'interesse del cittadino di proprietà del cittadino... mentre la carta moneta è di proprietà dei banchieri come una cambiale e il cittadino è costretto a comprarla, sempre e comunque pagandoci sopra degli interessi". Il delirio continua un altro minuto con argomenti come quello banalissimo che "la Francia anticipa le rivoluzioni" e che "l'Italia potrebbe seguirne l'esempio". Tre minuti e 45 secondi in tutto, quanti bastano a Vitali per dare elementi di economia che vanno bene per l'uomo di Neanderthal ma inzeppandoci dentro il pregiudizio anti semita secondo cui la crisi è stata "ampiamente voluta" dalla "lobby ebraica", la quale "detiene il potere finanziario mondiale". Goebbels forse avrebbe potuto fare di meglio ma sicuramente non l'avrebbe fatto all'interno dei locali della Fnsi, un sindacato considerato di sinistra. Non basta: sempre nei locali della Fnsi, qualche giorno dopo, altro giro altra intervista: nel filmato che si può vedere a questo sito http://www.youtube.com/watch?v=--HVXUyhXy8, stavolta a essere intervistato, nell'ambito di una conferenza stampa titolata "Morire per Maastricht", il professor Antonio Pantano, sedicente maggiore esperto italiano di Ezra Pound, sempre sulla crisi e sulle previsioni economiche della stessa che erano già presenti nelle profezie del noto poeta. Che aveva l'unico piccolo difetto di essere stato un nazista e di avere dato anche lui la colpa agli stessi soggetti per quel che riguarda il crack del 1929. Insomma un ciclo di interviste del culturame fascistoide e nazistoide che ancora residua in Italia e con la cornice della sede romana della Fnsi che stavolta è anche inquadrata nelle immagini, con il proprio logo che campeggia sullo sfondo di questa intervista. In questo caso, il professore nell'individuare i soggetti responsabili della crisi odierna non nomina esplicitamente gli ebrei ma cita Pound, parlando di "certi personaggi che hanno nelle mani... negli artigli" il potere economico e che sono "sempre gli stessi..." dai tempi di Pound. Poi c'è un paragone tra la Morgan Stanley di oggi e la banca Morgan dell'epoca, e insomma chi vuole capire ha capito. E tante grazie al sindacato unitario dei giornalisti italiani per l'ospitalità fornita... presumibilmente gratuita. Comunque domenica sera questi due video sono andati in onda sulla web tv radicale (www.tvradicale.it) durante il programma "Israel chat" che il sottoscritto conduce alle 18 e 30. Se qualcuno si fosse reso conto dell'enormità della cosa batta adesso un colpo.

© 2010 L'Opinione delle Libertà. Tutti i diritti riservati

SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni i Radicali Italiani con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €