Radicali: "Interrogazione su eliminazione delle barriere architettoniche"

Dalla Rassegna stampa

“Abbiamo depositato una interrogazione urgente sullo stato dell'azione di controllo e dell'esercizio dei poteri sostitutivi della Regione Lazio per assicurare l'adozione dei piani di eliminazione delle barriere architettoniche, i cosiddetti PEBA, previsti dalla legge. L'interrogazione nasce a seguito dell'iniziativa dell'Associazione 'Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica' che, occupandosi anche della tutela delle persone con disabilità dell'affermazione dei loro diritti, ha promosso nel 2009 e vinto quest'anno, un ricorso contro il Comune di Roma per la mancanza di regolamentari scivoli per accedere con la sedia a rotelle sui marciapiedi dove sono poste le fermate degli autobus per il trasporto pubblico, limitando, in questo modo, la possibilità ai disabili di poter fruire dei bus pubblici in totale autonomia; nel corso del processo, sebbene richiesto, il Comune di Roma non ha mai depositato il suo PEBA". Così i Consiglieri regionali Giuseppe Rossodivita e Rocco Gerardo, Lista Bonino Pannella Federalisti Europei: "Lo Stato italiano in questi decenni ha emanato una serie di norme per tutelare i diritti dei disabili e in particolare per l'abbattimento delle barriere architettoniche; in particolare è dal lontano 1987 che la legge nazionale impone agli Enti locali l'adozione dei sistematici Piani di eliminazione delle barriere architettoniche. La legge n. 41 del 1986 prevede che per gli interventi di competenza dei Comuni e delle Province, trascorso inutilmente il termine previsto, sia obbligo delle Regioni nominare un Commissario ad acta, per ciascuna amministrazione, per realizzare l'adozione del Piano. Interroghiamo la Giunta per sapere se la Regione abbia mai adottato ed aggiornato il proprio PEBA per quanto riguarda gli edifici del proprio patrimonio e quante volte e verso quali amministrazioni provinciali e comunali, abbia esercitato il proprio obbligo sostitutivo nominando i Commissari ad acta come imposto dalla legge".

© 2012 Italia Sera. Tutti i diritti riservati

SEGUICI
SU
FACEBOOK

Ti potrebbe interessare anche:

Ora si firma su cannabis terapeutica e testamento biologico in Lombardia Riprende l'iniziativa di Radicali Sondrio a favore della cannabis terapeutica e del testamento biologico con due occasioni per i cittadini di firmare le relative proposte di legge regionali: sabato 24 ottobre, dalle 9:30 alle...
da openspace.it  Rita Bernardini, segretaria dei Radicali ed ex parlamentare, continua a combattere per la legalizzazione delle droghe leggere. Dopo la perquisizione della polizia di qualche mese fa – Rita coltivava sul suo terrazzo 56 piantine di cannabis e rivendicava il diritto di “...
Con il Decreto del 18 aprile 2007, il ministero della Salute ha riconosciuto valore farmacologico ad alcuni derivati medicinali della Cannabis, demandando la regolamentazione all’autonomia delle Regioni: Puglia, Basilicata, Abruzzo, Emilia Romagna, Toscana, Veneto, Liguria, Umbria, Marche, Friuli...