L’appello di Spadaccia. Lettera di Marco Eramo a Il Foglio

lettera di Marco Eramo a Il Foglio

Gianfranco Spadaccia ha rivolto un appello all’ufficio di presidenza del partito radicale nonviolento transnazionale e transpartito perché gli sia consentito di contribuire al raggiungimento dei tremila iscritti fissati dal Congresso di Rebibbia e di poterlo fare dai microfoni di Radio Radicale.

Tutto ciò nonostante non abbia votato la mozione approvata in quel congresso ed abbia condannato l’espulsione di fatto, dal Partito e dalla sua struttura, di quelle organizzazione alle quali, su impulso di Pannella, era stato riconosciuto lo status di soggetti costituenti del partito.

Ciò che è in gioco è la possibilità per Gianfranco Spadaccia di condurre una o più trasmissioni di filo diretto con gli ascoltatori di Radio Radicale. Come ha sottolineato in un post su FB Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani, infatti da questa interlocuzione e dalla possibilità che chiunque, e quindi anche Spadaccia, possa sostenere e divenire protagonista a pieno titolo della campagna di iscrizioni al Partito Radicale, dipende l’affermazione o la negazione dell’organizzazione politica. quella concezione di partito – che i radicali di Pannella hanno fatto vivere e proposto come modello anche e soprattutto per altri soggetti politici – come strumento nella piena e indiscussa disponibilità di chi vi aderisce direttamente attraverso l’iscrizione, e di chi altrettanto direttamente concorre a sceglierne o metterne in discussione obiettivi e mezzi.

Sostenere Spadaccia, dunque, non significa soltanto solidarizzare con chi si oppone alla direzione politica impressa dall’attuale rappresentanza legale, e cercare di salvare ad ogni costo il P.R., significa anche e sopratutto tentare di affermare e far vivere concretamente un modello di partito che, attraverso il modo in cui si organizza, non tradisca gli obiettivi e i principi ai quali si ispira e dunque una organizzazione laica alla quale chiunque -radicali e non, singoli cittadini e associazioni, italiofoni e non – possa affidare il perseguimento dei propri obiettivi ed il pieno esercizio dei propri diritti. Ne abbiamo bisogno tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#LibertàTerapeutica
#SostieniciNelTempo
#RadicalCannabisClub
#EroStraniero
#Parliamone!
#EuropeFirst

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti su campagne, iniziative, eventi

DIFFONDI LA CAMPAGNA