Iniziative dal 2010

Liquidità alle imprese, più ossigeno al paese – Appello al Governo

Proposte Economiche Radicali

4 Petizioni Radicali

Ferragosto in Carcere

Convocazione straordinaria del Parlamento

Immigrazione

Informe…RAI

Open Data

 

 

 


Liquidità alle imprese, più ossigeno al paese

Il continuo saccheggio delle casse pubbliche, aggravato dalla crisi economica globale, ha messo in ginocchio l’intero sistema produttivo italiano.

Uno Stato incapace di rispettare e di far rispettare le proprie leggi, forte con i deboli e debole con i forti, è il primo responsabile di un disastro sociale e istituzionale che impoverisce il Paese, spegnendo la speranza e cancellando il sogno di un futuro migliore.
Dall’inizio della legislatura, i Radicali hanno condotto battaglie politiche per dare voce ai bisogni veri delle imprese – la vera “pancia del Paese” – attraverso la presentazione di proposte di legge ignorate con arroganza dal Palazzo. Proposte che, ad esempio, hanno avanzato per la prima volta in Parlamento soluzioni concrete alla questione del ritardo dei pagamenti, non solo da parte della PA.
Oggi torniamo a proporre iniziative capaci di dare ossigeno e liquidità alle imprese, con proposte nate dall’ascolto del mondo produttivo e non nelle sterili esibizioni mediatiche delle kermesse imprenditoriali.

Gli obiettivi della campagna

Chiediamo al Governo di intervenire con urgenza sui seguenti temi:

  1. Tempi di pagamento certi: le PMI-Davide si possono ancora difendere dalle grandi imprese-Golia? Diamo atto al Governo Monti di avere iniziato ad affrontare concretamente, ancorché in ritardo, il problema dei ritardati pagamenti della Pubblica Amministrazione. Chiediamo di rendere certi i tempi di pagamento anche nei rapporti tra privati, che rappresentano la parte più consistente – e taciuta – del problema. (Leggi il testo della proposta di legge)
  2. Iva per cassa: oltre al danno, la beffa. Stato a due facce: puntuale all’incasso, latitante quando deve pagare, così come le grandi imprese, capaci di fare anche di peggio. L’Iva si scarichi dopo aver pagato, e si versi dopo averincassato. (Leggi il testo della Proposta di legge)
  3. Spalmadebiti: le imprese hanno bisogno di liquidità. La crisi ha spiazzato le aziende più dinamiche e sane, colpendo soprattutto quelle che avevano investito sul futuro dell’azienda e dei propri lavoratori. Il calo di fatturato non permette più di far fronte agli impegni presi in passato. Le mutate condizioni economiche e la mancanza di liquidità le sta portando alla chiusura, o tra le braccia dell’usura. È necessario prorogare i termini per il rientro dei mutui già contratti, senza costi aggiuntivi. (Leggi il testo della mozione – non ancora depositata)
  4. Equitalia: salviamo gli onesti. Chi mette a bilancio i debiti nei confronti dello Stato non è un evasore, ma un imprenditore – onesto – con problemi di liquidità. Garantiamo il loro pagamento solo con gli interessi legali e senza ulteriori penalizzazioni.

Per saperne di più Firma l’appello o sostieni questa iniziativa con un contributo»

Fuori legge è lo Stato – Il Permesso di Soggiorno per gli immigrati

Immagine di immigrati in coda - in bianco e nero

Ogni anno centinaia di migliaia di immigrati chiedono il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno. Senza rinnovo in Italia è quasi impossibile firmare un contratto di affitto o di lavoro, prendere la patente, iscrivere all’asilo i figli. Tutto questo nonostante le normative in vigore stabiliscano comunque diritti anche per il richiedente permesso di soggiorno che possiede la ricevuta dell’avvio della procedura. La legge prevede che il permesso di soggiorno è rilasciato, rinnovato o convertito entro venti giorni dalla domanda. La media nazionale è invece di 101 giorni per il rilascio o il rinnovo. Dopo l’iniziativa di Gaoussou Ouattara, che ha unito più di 300 immigrati, i tempi di rilascio e rinnovo si sono ridotti e il Ministro Maroni ha promesso che avrebbe riportato tutto nella legalità.

Gli obiettivi della campagna:

  1. Chiediamo la calendarizzazione del progetto di legge per lo spostamento della competenza dei permessi di soggiorno dalle questure ai comuni.
  2. Chiediamo un’azione di informazione capillare, anche con spot televisivi, al fine di rendere conosciuti i diritti già acquisiti con la vigente normativa: la richiesta di permesso di soggiorno e rinnovo è valida ai fini dell’inserimento nel lavoro, nelle scuole e asili nido, nelle strutture sanitarie.

La lotta radicale per i diritti degli immigrati Scopri come attivarti

Abolire il valore legale dei titoli di studio

Vogliamo liberare l’università – Convegno per l’abolizione del valore legale dei ntitoli di studio

dea Atena

Radicali italiani si è fatto promotore di un appello, redatto da accademici e diffuso tra le università italiane, perchè il Parlamento si occupi con le prossime riforme sulla scuola anche dell’abolizionedell’anacronistico concetto di “valore legale del titolo di studio“. Con esso si pretende di assicurare giuridicamente  e certificare le competenze e le conoscenze carpite durante il percorso di studio, ma di fatto si rende la laurea un vuoto “pezzo di carta”, tant’è che il sistema universitario italiano è burocratico, inefficiente e non premia gli studenti migliori. La premessa per una riforma del sistema universitario basata sulla concorrenza e il riconoscimento del merito individualeè l’abolizione del valore legale del titolo di studio, accompagnata da un lato dalla liberalizzazione delle tasse universitarie, dall’altro dalla creazione di un sistema moderno di borse di studio volto a contribuire al finanziamento degli studi universitari dei più capaci e meritevoli.

Gli obiettivi della campagna:

  1. Abolizione del valore legale del titolo di studio universitario
  2. Liberalizzazione delle rette universitarie
  3. Istituzione di un sistema di borse di studio e prestiti d’onore

Per saperne di più»  Firma l’appello e sostieni questa iniziativa»

Attachment Size
delibera_comune.pdf 64.34 KB
delibera_provincia.pdf 70.65 KB
modulo_firme.pdf 71 KB
Modello_Comuni_accessoagliatti.pdf 54.59 KB
modello_Provincia_accessoagliatti.pdf 54.52 KB
modello_Regione_accessoagliatti.pdf 54.9 KB

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA