Desenzano nasconde la «bocciatura» della Gelmini

il Venerdì (la Repubblica)
G.C.

Vi si parla di «manifesta incapacità ed improduttività politica ed organizzativa», ma la delibera comunale di Desenzano del Garda (Brescia) del marzo 2000 dove queste parole sono riportate è offlimits. Sarà perché la «manifesta incapacità», che si sostanziò in una mozione di sfiducia, riguarda il ministro Mariastella Gelmini, all’epoca presidente del consiglio comunale della città. Su quel documento è calata una cortina di ferro. Ne sa qualcosa il direttore della rivista Mamma! Carlo Gubitosa che alla richiesta di poterlo visionare si è visto opporre un niet. Il Comune di Desenzano gli ha fatto sapere che la delibera fu pubblicata sull’Albo pretorio dal 12 al 26 aprile del 2000 «e, quindi, solo per detto periodo risultava ostensibile». Sull’affaire Gelmini sono intervenuti i radicali con un’interrogazione al premier e a Brunetta, in cui si chiede, visto che «non risultata che l’atto in questione sia secretato», quali iniziative intendono assumere per garantire il diritto di accesso al documento.

© 2011 il Venerdì (la Repubblica). Tutti i diritti riservati

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA