Il Quirinale fa litigare Bordin e Pannella

Il Fatto Quotidiano

Su Radio Radicale, il giudizio su Giorgio Napolitano è l’ultima frontiera dei litigi in diretta tra Marco Pannella e Massimo Bordin, ex direttore dell’emittente ma sempre voce storica e roca della rassegna stampa mattutina. Nell’ultima conversazione della domenica tra i due, un must per ascoltatori pazienti che non dura meno di due ore, Pannella stava parlando di un possibile messaggio del presidente della Repubblica sulle carceri. Bordin lo ha interrotto: "Tanto non serve a nulla". Pannella, spazientito: "Da tempo ti noto in sintonia con capo dello Stato, con le sue posizioni culturali". Un chiaro riferimento alle ultime polemiche sul capo dello Stato, di cui Bordin potrebbe essere corazziere ad honorem, almeno stando alla sua rassegna stampa o ai corsivi prima sul Riformista di Macaluso poi sul Foglio di Ferrara. Bordin reagisce con una battuta: "Eh, sono un migliorista da sempre". Pannella lo prende sul serio. Il volto di Bordin si fa rosso per la rabbia, grida: "Marco ma la sai cogliere l’ironia? Io fan di Napolitano, ma stai scherzando? Non è bello. Stai compiendo un’operazione di falsificazione. Come sempre giudicheranno gli ascoltatori". In ogni caso prima di essere radicale, Bordin è, stato trotzkista ma mai migliorista. E ora?

© 2012 Il Fatto Quotidiano. Tutti i diritti riservati

POST COLLEGATI

#LiberidalDebito
#SeiRadicale
#RadicalCannabisClub
#EroStraniero
#Parliamone!
#PiùEuropa

Mettiti in contatto con noi

 
Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati personali

DIFFONDI LA CAMPAGNA