Stanze del buco, Pd e Radicali ai ferri corti

Il Giornale – ed. Milano
Alberto Giannoni

Il nuovo fronte è aperto, attende solo l’ingresso in Consiglio comunale, dove si segnerà un altra volta il campo: da una parte la sinistra più laica, dall’altra i moderati, con il Pd – e il sindaco – incaricati di trovare un punto di mediazione. Dopo il registro delle unioni civili, è il pacchetto di delibere radicali a spaccare il centrosinistra:«stanze del buco»per i tossicodipendenti, quartieri «a luci rosse», testamento biologico e task force anti discriminazione. Su queste proposte i Radicali hanno raccolto 30mila firme, e ora tocca al Consiglio pronunciarsi.

Accanto ai radicali, alcuni esponenti di Sel e della sinistra. Sul fronte opposto, i cattolici del Pd, che hanno già avvertito il partito: non lo seguiranno sulla linea radicale. «Uno degli scopi che dovrebbe avere un’Amministrazione comunale – dichiara per esempio Rosario Pantaleo – è quello di garantire il benessere dei propri cittadini quando non addirittura educarli ad un’opportuna cura della propria salute rimuovendo tutti gli ostacoli che ne impediscano l’attuazione».

«Anche per queste ragioni – aggiunge – è fondamentale che si faccia ogni sforzo per educare i cittadini al rispetto del proprio corpo e della propriamente ed operando per la cancellazione di tutte le possibili dipendenze. La cosiddetta «stanza del buco», invece, secondo Pantaleo, anziché «liberare» costringe chi vive una condizione di dipendenza a soggiacervi fino alle estreme conseguenze. Gli ha replicato Marco Cappato, consigliere comunale dei Radicali: «Se fosse vero quello che afferma Pantaleo, – dice l’ex parlamentare europeo pannelliano – allora avrebbe ragione lui a considerarla una soluzione inaccettabile. Pantaleo però non porta alcun dato scientifico». «In questo modo – sostiene Cappato – il dibattito rischia di restare su un piano puramente ideologico. Meglio invece discuterne senza pregiudizi».

I Radicali sollecitano l’amministrazione a un confronto cogliendo l’occasione offerta dai 6mila cittadini che hanno presentato questa proposta». Categorico il no del Pdl: «Le delibere laiche, se non fossero state supportate da 6mila firme di milanesi non meriterebbero alcun dibattito – dice Riccardo De Corato – perché sono fuorilegge». «A proposito della dichiarazione di Pantaleo – aggiunge – vorremmo sapere come fanno i cattolici che sono in Giunta e in Consiglio comunale a stare nella stessa maggioranza con i vari Cappato e Gibbilini».

© 2012 Il Giornale – ed. Milano. Tutti i diritti riservati

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA