Staderini: finanziamento alla politica e legge elettorale sono riforme gemelle

Il finanziamento pubblico dei partiti va abolito perché è criminogeno, corrompe la politica e riduce il tasso di democraticità interna perpetuando il potere di chi detiene i cordoni della borsa.  31 milioni di italiani lo avevano già capito nel 1993, per questo votarono si al referendum presentato dai Radicali e poi tradito da tutti gli altri.

Oggi come allora serve un principio chiaro: non un euro pubblico agli apparati dei partiti, che si devono autofinanziare in modo trasparente con le donazioni di iscritti e simpatizzanti.  Allo Stato, invece, spetterà di garantire a tutti i cittadini, non solo ai partiti, i servizi necessari per fare politica.

In realtà, la scelta è tra due modelli opposti di intendere il rapporto tra Stato e cittadini, ed è collegata al sistema elettorale.  

Da una parte il modello che considera i partiti come un pezzo dello Stato, basato sul finanziamento pubblico e sul sistema elettorale proporzionale; dall’altra il modello che mette al centro la persona, l’eletto,  che si fonda su finanziamenti privati, collegi uninominali e sistema maggioritario.

Non è un caso che nel 1993 gli italiani, insieme al finanziamento pubblico dei partiti, votarono in massa anche il referendum radicale che aboliva il sistema proporzionale a favore di quello maggioritario basato sul collegio uninominale. 

Dichiarazione di Mario Staderini, Segretario di Radicali italiani.

© 2013 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati

Mario Staderini

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA