Nomine, Staderini: Prima modificare procedure, siano trasparenti e aperte a candidature popolari

Dichiarazione di Mario Staderini, Segretario di Radicali Italiani:

Nominare centinaia di incarichi in aziende e enti di Stato (dalle Ferrovie alla Sogin, da Finmeccanica all’Enel) senza prima aver modificato le procedure sarebbe inutile e dannoso, perché si ripeterebbero le stesse logiche che hanno fatto delle società pubbliche luoghi di clientela e di corruzione.

In attesa di chiudere definitivamente la stagione dello Stato imprenditore, il Governo non deve fare politica industriale attraverso le aziende che controlla bensì garantire in particolare legalità e trasparenza delle nomine insieme ad una regolazione efficace dei mercati.

Ha ragione Sandro Gozi quando chiede di fermare le lancette delle nomine per riscrivere criteri e procedure, altrimenti ci ritroveremmo i soliti manager di Stato (e di partito) anziché il meglio che c’è sul mercato.
Il Governo pubblichi le informazioni sui vertici in scadenza e sulle caratteristiche che devono avere i manager per ricoprirle, stabilendo un termine per la presentazione delle candidature.

Questa fase sia aperta anche a candidature “popolari”, avanzate da gruppi di cittadini, con successiva pubblicazione dei curriculum della rosa selezionata.

© 2013 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati

Mario Staderini

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA