Dichiarazione di Marco Pannella all’Adnkronos

Dichiarazione di Marco Pannella ad AdnKronos:

La condanna di Berlusconi sarebbe  un episodio clamoroso che inciderebbe sulla nostra storia? In realtà  siamo uno Stato da oltre 30 anni fuorilegge, considerato in palese  flagranza di reato rispetto ai massimi reati del diritto nazionale e  internazionale. Contro la sua legalità, lo stato di diritto e i  diritti umani. Marco Pannella commenta così all’Adnkronos la  sentenza della Cassazione sul processo Mediaset, che ha visto la  conferma della condanna di Silvio Berlusconi. 

Lui avrà truffato denaro e relative leggi -aggiunge il leader radicale- ma il vero problema è che il nostro Stato e i suoi massimi  responsabili sono in flagranza degli stessi reati che negli anni Trenta venivano imputati allo stato nazista, fascista o comunista,  ovvero quelli contro i diritti umani e la legalità. Per Pannella, se in Italia non prendiamo atto che occorre uscire fuori da questa  condizione criminale, porre come il grande problema che oggi dobbiamo  affrontare la questione se il povero Silvio vada o meno in galera, è semplicemente folle. Un insulto contro quel diritto e quella giustizia che, anche in condizioni difficilissime, dobbiamo conquistare. 

Poiché non vogliamo piazzali Loreto -conclude- se il nostro  obiettivo è quello di realizzare con l’amnistia una riforma  strutturale, inevitabile per rientrare nella legalità e nella  democrazia, allora occorre anche un’amnistia per questa Repubblica….  

© 2013 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati

Marco Pannella

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA