Carceri: Bernardini non crede ai miracoli che secondo il Dap sarebbero intervenuti nelle carceri italiane e invita il direttore Santi Consolo a fare alcune visite insieme a lei. Intanto Pannella è al terzo giorno di sciopero della fame

Dichiarazione di Rita Bernardini, Segretaria di Radicali Italiani:

“La moltiplicazione dei pani e dei pesci non è azione che appartiene agli umani, così come la moltiplicazione dei posti nelle infami carceri italiane non è nelle mani del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria anche quando fosse animato dalle migliori delle intenzioni che, per noi radicali, consistono nel far rientrare nella legalità costituzionale il trattamento fuorilegge subito dai detenuti negli istituti penitenziari italiani”.

“Sorprendono pertanto le dichiarazioni del Capo del Dap Santi Consolo che ha annunciato che nei 202 istituti penitenziari non c’è più un detenuto che vive in spazi inferiori ai 3 metri quadrati, che i posti regolamentari sono ora in totale 50.538 e che – sempre secondo il capo del Dap – questo risultato è stato ottenuto grazie alla manutenzione straordinaria, salvo poi ammettere che 4.636 posti sono inagibili”.

“L’aumento dei posti regolamentari strabilia ancora di più se si tiene conto che il Dap afferma – vedere per credere, le tabelle messe a disposizione sul sito del ministero della Giustizia – che ‘i posti sono calcolati sulla base del criterio di 9 mq per singolo detenuto + 5 mq per gli altri'”.

“Non so se il Capo del Dap abbia fatto i conti tenendo sottocchio le planimetrie degli istituti penitenziari, quello che è certo è che a tutt’oggi in Italia ci sono almeno 70 istituti (vedi tabella) che con i dati del Dap (non con i nostri) hanno un sovraffollamento che va dal 130 al 210 per cento”.

“Poiché sono usa a fare fiducia alle persone che assumono nuovi incarichi (come nel caso del Dott. Santi Consolo) quel che posso fare è proporre al nuovo Capo del Dap di consentirmi di accompagnarlo per una serie di visite in alcuni dei 70 istituti per verificare insieme quale sia il trattamento riservato ai detenuti in Italia”.

 
Regione di detenzione
Istituto
Tipo istituto
Capienza Regolamentare
posti regolamentari non disponibili
 (dato al 29/07/2014)
Detenuti presenti al 31/12/2014
Posti regolamentari effettivamente disponibili
%
detenuti/posti disponibili
Sovraffollamento
TOSCANA
LUCCA –
CC
91
29
134
62
216,1%
SICILIA
MESSINA –
CC
304
207
209
97
215,5%
LAZIO
LATINA –
CC
76
0
161
76
211,8%
LOMBARDIA
BUSTO ARSIZIO –
CC
173
21
312
152
205,3%
FRIULI VENEZIA GIULIA
UDINE –
CC
100
18
167
82
203,7%
MARCHE
ANCONA –
CC
174
76
191
98
194,9%
SICILIA
AUGUSTA –
CR
372
103
496
269
184,4%
LOMBARDIA
MILANO “SAN VITTORE”
CC
753
222
971
531
182,9%
CAMPANIA
POZZUOLI –
CCF
97
0
173
97
178,4%
CAMPANIA
LAURO –
CC
38
30
14
8
175,0%
VENETO
PADOVA “N.C.”
CR
436
0
762
436
174,8%
PUGLIA
TARANTO –
CC
306
4
526
302
174,2%
MOLISE
LARINO –
CC
118
0
204
118
172,9%
LOMBARDIA
LODI –
CC
50
0
86
50
172,0%
LOMBARDIA
BRESCIA “CANTON MONBELLO”
CC
189
0
325
189
172,0%
LOMBARDIA
BERGAMO –
CC
320
21
507
299
169,6%
SICILIA
GELA –
CC
48
2
78
46
169,6%
CAMPANIA
ARIENZO –
CC
52
0
88
52
169,2%
PUGLIA
LECCE “N.C.”
CC
632
10
1043
622
167,7%
TOSCANA
GROSSETO –
CC
15
0
25
15
166,7%
ABRUZZO
VASTO –
CL
132
31
167
101
165,3%
SICILIA
RAGUSA –
CC
139
38
167
101
165,3%
EMILIA ROMAGNA
RAVENNA –
CC
59
10
81
49
165,3%
SARDEGNA
LANUSEI “SAN DANIELE”
CC
34
0
56
34
164,7%
CALABRIA
LOCRI –
CC
89
7
135
82
164,6%
VENETO
VENEZIA “SANTA MARIA MAGGIORE”
CC
163
9
253
154
164,3%
LOMBARDIA
COMO –
CC
223
1
364
222
164,0%
ABRUZZO
SULMONA –
CR
304
0
492
304
161,8%
TOSCANA
SAN GIMIGNANO –
CR
235
12
360
223
161,4%
LOMBARDIA
BRESCIA “VERZIANO”
CR
72
0
115
72
159,7%
LOMBARDIA
MONZA –
CC
403
51
562
352
159,7%
SICILIA
CASTELVETRANO –
CC
52
5
75
47
159,6%
LIGURIA
GENOVA “PONTEDECIMO”
CC
96
0
153
96
159,4%
SICILIA
ENNA –
CC
166
62
165
104
158,7%
FRIULI VENEZIA GIULIA
PORDENONE –
CC
41
0
65
41
158,5%
SICILIA
PALERMO “UCCIARDONE”
CR
689
408
444
281
158,0%
MARCHE
PESARO –
CC
150
0
237
150
158,0%
SICILIA
CATANIA “BICOCCA”
CC
138
2
214
136
157,4%
SICILIA
PIAZZA ARMERINA –
CC
45
1
69
44
156,8%
BASILICATA
MELFI –
CC
126
0
196
126
155,6%
LIGURIA
IMPERIA –
CC
62
0
96
62
154,8%
TOSCANA
FIRENZE “SOLLICCIANO”
CC
494
15
734
479
153,2%
LAZIO
FROSINONE “G. PAGLIEI”
CC
310
0
475
310
153,2%
LOMBARDIA
VIGEVANO –
CC
240
1
366
239
153,1%
SICILIA
CATANIA “PIAZZA LANZA”
CC
314
76
364
238
152,9%
LAZIO
ROMA “REGINA COELI”
CC
642
109
813
533
152,5%
CAMPANIA
BENEVENTO –
CC
253
0
385
253
152,2%
VENETO
VICENZA –
CC
156
6
228
150
152,0%
SICILIA
SIRACUSA –
CC
333
40
436
293
148,8%
PUGLIA
FOGGIA –
CC
375
26
518
349
148,4%
SICILIA
AGRIGENTO –
CC
276
13
389
263
147,9%
ABRUZZO
TERAMO –
CC
251
8
359
243
147,7%
CAMPANIA
NAPOLI “SECONDIGLIANO”
CC
898
12
1305
886
147,3%
TOSCANA
AREZZO –
CC
101
84
25
17
147,1%
SICILIA
CALTANISSETTA –
CC
181
0
266
181
147,0%
CAMPANIA
SANT’ANGELO DEI LOMBARDI –
CR
126
0
183
126
145,2%
SICILIA
TERMINI IMERESE –
CC
84
2
119
82
145,1%
LOMBARDIA
OPERA “I C.R.”
CR
911
18
1285
893
143,9%
VENETO
TREVISO –
CC
143
0
200
143
139,9%
CAMPANIA
SALERNO “ANTONIO CAPUTO”
CC
368
39
459
329
139,5%
EMILIA ROMAGNA
BOLOGNA –
CC
492
5
676
487
138,8%
LAZIO
ROMA “REBIBBIA FEMMINILE”
CCF
263
27
324
236
137,3%
CAMPANIA
VALLO DELLA LUCANIA –
CC
40
0
54
40
135,0%
PUGLIA
BARI “FRANCESCO RUCCI”
CC
301
23
371
278
133,5%
PUGLIA
BRINDISI –
CC
117
0
156
117
133,3%
LIGURIA
SAVONA “SANT’AGOSTINO”
CC
49
0
65
49
132,7%
CALABRIA
REGGIO DI CALABRIA “G. PANZERA”
CC
176
21
205
155
132,3%
LAZIO
CIVITAVECCHIA “N.C.”
CC
344
21
425
323
131,6%
LIGURIA
LA SPEZIA –
CC
151
0
198
151
131,1%
LOMBARDIA
LECCO –
CC
53
1
68
52
130,8%

© 2015 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati

Rita Bernardini

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA