Eutanasia. Cappato a Madia: “zona grigia” produce clandestinità e soprusi

 Dichiarazione di Marco Cappato, promotore campagna Eutanasia Legale e tesoriere Associazione Luca Coscioni:

“Il ministro Marianna Madia, intervenuta nella puntata di ieri de Le Invasioni Barbariche sul tema dell’eutanasia, sembra non considerare il fatto che oggi chi aiuta una persona a morire rischia 15 anni di carcere. Una legge sul fine vita per depenalizzare l’eutanasia serve proprio per rimettere la scelta alla libertà e responsabilità individuale. La ‘zona grigia’ invocata dal Ministro Madia è oggi una zona di clandestinità e soprusi, alla quale è urgente porre termine con regole chiare per tutelare sia i familiari dei pazienti che i medici. Il Parlamento si assuma la responsabilità di discutere la nostra proposta di legge di iniziativa popolare in attesa alla Camera dei Deputati dal 13 settembre 2013″.

Marco Cappato

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA