Fecondazione assistita, Gallo: no a boicottaggio di Dolce e Gabbana ma sì all’affermazione delle scelte personali

Dichiarazione di Filomena Gallo, Segretario dell’Associazione Luca Coscioni, soggetto costituente il Partito radicale:

Pur non condividendo le dichiarazioni di Domenico Dolce e Stefano Gabbana sulla fecondazione assistita e sul concetto unico della famiglia, con le loro parole – magari legate a una campagna pubblicitaria – hanno aperto un dibattito culturale di cui adesso si deve far carico la politica.

Ferme restando le convinzioni personali e la libertà di espressione di chiunque, e posto che i boicottaggi raramente servono a sviluppare dibattito laici e a tutto tondo, occorre finalmente agire affinché il Parlamento italiano possa finalmente garantire tutte le espressioni di famiglia e di genitorialità. Ciò che conta è l’amore che un bambino riceve e come viene cresciuto, non come viene messo al mondo né il sesso dei genitori.

Oggi la scienza, la medicina e le società più liberali hanno permesso di ampliare le possibilità di diventare genitori a coppie dello stesso sesso o persone singole, mentre studi internazionali hanno mostrato ampiamente che i figli di coppie gay crescono altrettanto bene di quelli delle famiglie tradizionali.

Grazie quindi a Dolce e Gabbana per aver condiviso, in mondo visione, le loro opinioni; è da sperare adesso che anche altre idee e proposte possano avere altrettanto diritto di notiziabilità perché la risposta civile e politica non sia la promozione di un boicottaggio nei confronti dei due stilisti ma quella di una riforma radicale del diritto di famiglia in Italia come altrove.

Filomena Gallo

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA