Eutanasia. Cappato e Welby: il Parlamento italiano abbia il coraggio di quello francese

Appuntamento il 19 marzo in Senato

 

Dichiarazione di Marco Cappato, Promotore della legge popolare per l’Eutanasia legale e Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, e di Mina Welby, co-presidente dell’Associazione Luca Coscioni:

“La Francia a differenza dell’Italia decide sul fine-vita. Non mi pare una soluzione soddisfacente per tutti i malati terminali. Spero che dopo un periodo di rodaggio di questa legge si ripensino e valutino soluzioni più serie e meno timorose nell’aiuto a una morte dignitosa. Per molti malati una sedazione prolungata nel tempo la giudico inumana, anche per chi assiste al lento morire di una persona cara”, così Mina Welby, co-presidente dell’Associazione Luca Coscioni.

Prosegue Marco Cappato, promotore dell campagna Eutanasia Legale: “La formula della ‘sedazione profonda e continua’ approvata dall’Assemblea nazionale francese è una soluzione parziale perché obbliga a passare attraverso una procedura di sedazione in alcuni casi immotivatamente lunga, obbligando il paziente e i suoi cari ad una attesa ingiustificata pur di non consentire la somministrazione di una sostanza letale ad effetto immediato. Tale scelta non corrisponde a una logica medica, ma soltanto alla volontà di evitare uno scontro politico diretto sull’eutanasia. La novità più importante di questa legge, tuttavia, è che darà al malato l’ultima parola (mentre fino ad ora il suo parere non era vincolante per i medici)”.

“Infatti, va comunque dato atto al Parlamento francese di incentrare la legge sulla volontà non eludibile del malato di saper fare ciò che il Parlamento italiano non ha il coraggio di fare: discutere e decidere. Nessun gruppo parlamentare ha infatti chiesto finora la calendarizzazione della proposta di legge di iniziativa popolare per l’eutanasia legale che abbiamo presentato nel settembre 2013, mentre la maggior parte degli italiani si conferma a favore dell’eutanasia. Proprio per aprire il confronto anche nel nostro Parlamento, giovedì 19 marzo, a un anno dal richiamo alle Camere dell’allora Presidente Napolitano, grazie a Carlo Troilo e Matteo Mainardi terremo presso il Senato della Repubblica, Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro un convegno dal titolo ‘Liberi fino alla fine: il Parlamento si faccia vivo‘ L’urgenza di buone regole e buona informazione su testamento biologico e eutanasia”.

 

SCARICA IL PROGRAMMA

Marco Cappato

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA