Mafia Capitale, Magi: se Pd continua fase ‘cosmetica’ le riforme le faranno i cittadini con delibere e referendum

Dichiarazione di Riccardo Magi, Presidente di Radicali italiani, Consigliere comunale a Roma:

“Da mesi volantiniamo dossier, denunce in Procura e proposte puntuali su rom, centri d’accoglienza, Ostia, rifiuti, emergenza abitativa e patrimonio immobiliare. Non è con la politica degli annunci e nemmeno dei grandi eventi che si supera questa crisi. Anzi senza riformare il sistema di affidamenti e controlli come pensano di gestire Giubileo e Olimpiadi?”.

“Per liberare Roma da criminalità organizzata, e politica, servono riforme strutturali, non annunci, né operazioni di maquillage utili solo per rifarsi una verginità, né il lancio di grandi eventi. Anzi, senza riformare il sistema di affidamenti e controlli come pensano di gestire Giubileo e possibili Olimpiadi? Purtroppo finora non solo non si è colta l’occasione di Mafia Capitale per avviare il necessario cambio di rotta, e di verso, ma in attesa dell’annunciata seconda ondata dell’inchiesta, si è perso tempo prezioso spesso perseverando in politiche fallimentari”.

“Dopo poche settimane dall’inizio di questa consiliatura, e ben 15 anni dall’ultima elezione di un Radicale nell’Assemblea capitolina, ci siamo resi conto del sistema corrotto e fuori controllo su cui si regge la Capitale, specchio di un Paese dove la criminalità organizzata è anche politica. Ben prima dello scoppio dell’inchiesta, infatti, avevamo sollevato l’attenzione sulla mancanza di trasparenza e controlli interni su spese e affidamenti che ha permesso infiltrazioni criminali; e denunciato, anche alla magistratura, l’’industria della solidarietà’ che ruota intorno alla gestione dei centri per immigrati, campi rom e all’emergenza abitativa; la malagestione del ciclo dei rifiuti e del patrimonio immobilitare di Roma Capitale, con sedi regalate a partiti e associazioni amiche; gli abusi delle concessioni demaniali a Ostia e gli appalti per la Metro C, che dopo il nostro esposto sono finiti sotto la lente della magistratura contabile e dell’Autorità anticorruzione di Cantone”.

“Contrariamente al partito dell’antipolitica, però, abbiamo messo a disposizione di tutti le nostre proposte per governare in maniera alternativa ed efficace e riportare legalità in ciascuno di questi settori. Al loro arrivo, abbiamo subito consegnato tutti i nostri dossier all’assessore alla Legalità, Alfonso Sabella, e al commissario del Pd capitolino, Matteo Orfini. Purtroppo però il percorso di riforma indispensabile per portare Roma fuori dalla crisi non è stato ancora realmente avviato. Per questo sembra arrivato il momento di chiedere una mano ai cittadini con referendum e delibere popolari per imporre alcune riforme su questi temi centrali, sui quali la politica romana e nazionale è inibita, bloccata”.

© 2015 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati

Riccardo Magi

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA