Migranti, Radicali a centro transitanti di Milano: Esempio di buon governo. Superare Bossi-Fini per vincere sfida

“Di fronte a un flusso di migranti ormai costante da oltre due anni, le istituzioni e il territorio milanesi hanno deciso di intervenire tempestivamente per assicurare un’accoglienza dignitosa a migliaia di persone e garantire al tempo stesso una gestione ordinata all’intera città” così il segretario di Radicali Italiani, Riccardo Magi, che oggi, insieme ad Alessandro Capriccioli, membro della direzione nazionale, ha visitato a Milano l’hub per migranti in via Sammartini: un centro voluto dal Comune, d’accordo con la prefettura e in collaborazione con Ferrovie dello Stato che ha concesso lo spazio.

“Dall’hub le centinaia di persone che ogni giorno giungono alla stazione di Milano, dopo aver ricevuto una prima assistenza, materiale e legale, vengono distribuite su una rete di 15 centri nelle diverse aree della città sempre gestiti dal comune. Questa non è solidarietà né buonismo, è capacità di governare i fenomeni con soluzioni efficaci, nel rispetto dei diritti e coinvolgendo istituzioni, associazioni, realtà produttive, cittadinanza: cioè il capitale sociale di una città. Si tratta di un esempio per tutte le città, a partire dalla Capitale, che finora si è mostrata incapace  di affrontare situazioni di questo tipo”, hanno spiegato i radicali ringraziando l’assessore alle Politiche Sociali Pierfrancesco Majorino e l’assessore radicale alla Trasparenza Lorenzo Lipparini per aver permesso la visita al centro.

“Serve una analoga capacità di governo – continuano  – per affrontare il fenomeno migratorio a livello nazionale, non solo nella fase dell’accoglienza, ma anche in quella dell’inclusione sociale, attraverso il lavoro e la formazione di quanti hanno scelto il nostro paese per il proprio progetto di vita. Per questo serve innanzitutto superare il sistema rigido e inefficace della legge Bossi-Fini con l’introduzione di canali di ingresso legali e l’emersione dall’irregolarità di chi già vive, lavora ed è radicato nel nostro paese. Solo così sarà possibile governare davvero un fenomeno complesso, ma inevitabile, trasformandolo in opportunità per i cittadini migranti e italiani”, concludono i radicali.

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA