Partigiani dello Stato di diritto: quali strumenti e quali opportunità

XVI congresso di LiberAperta, associazione politica liberale, libertaria:

DOMENICA 2 APRILE 2017
Ore 15.15
c/o sede di INFORMAREZZO in via Cavour 115 / I piano, Arezzo

dal titolo “PARTIGIANI DELLO STATO DI DIRITTO: QUALI STRUMENTI E QUALI OPPORTUNITA’”

 L’ordine del giorno del congresso sarà il seguente:

1) Nomina del presidente dl congresso
2) Nomina del segretario
3) Relazione del presidente uscente Giuseppina Nibbi
4) Relazione del tesoriere uscente Ferdinando Donatelli e illustrazione bilancio consuntivo anno 2016 e preventivo 2017.
5) Votazione del bilancio consuntivo anno 2016
6) Interventi degli ospiti e Dibattito.
7) Presentazione delle mozioni
8) Votazione delle mozioni
9) Elezione del presidente di Liberaperta
10) Elezione del direttivo
11) Varie ed eventuali

Il tema proposto: alla luce dell’accelerazione dell’erosione dello stato di diritto in tutto il mondo a partire dalle democrazie cosiddette occidentali e del persistere della continua violazione dei principi elementari dello stato di diritto in Italia, come far vivere e come continuare la lotta nonviolenta per l’affermazione e la transizione verso lo stato di diritto. Come incidono le mancate rivoluzioni liberali e liberiste nel processo e quale ruolo ha la finanziarizzazione dei processi economici e la crisi dell’economia produttiva.

LiberAperta, associazione politica liberale e libertaria, nata nel 1999 per portare il testimone di una storia di impegno politico radicale e liberale, ritiene il proprio manifesto costitutivo (in allegato) di attualità stringente come strumento di analisi del perdurare delle difficoltà e dei limiti alla libertà dei cittadini, al loro diritto ad uno sviluppo secondo aspirazioni e capacità, alla ricerca della felicità e della realizzazione degli individui e pertanto ribadisce le ragioni profonde della sua costituzione e azione.
Invita gli iscritti e la cittadinanza a partecipare al dibattito su quali strumenti e quali forze e associazioni di cittadini possano costituire un fronte comune per la lotta per la laicità delle istituzioni, per la legalità dello stato e per l’informazione democratica.

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA