“Partito Radicale. Immagini per una storia 1955-1990” – Partecipa Silvja Manzi

Mercoledì 20 marzo, alle 20.30, presenteremo a Roma, presso la nostra sede, il libro “Partito Radicale. Immagini per una storia 1955-1990” con il suo autore, l’amico e compagno Andrea Maori. Partecipa Silvja Manzi.

Si tratta di un libro fotografico, un eccezionale documento di storia radicale, utile per ricordare chi siamo stati e siamo.

Andrea è disponibile a organizzare presentazioni del volume, contattatelo qui: andreamaori@gmail.com, è un’ottima occasione anche per l’autofinanziamento delle associazioni.

In allegato la cover del volume (molto bello!), di seguito un abstract.

In rete sono disponibili migliaia di fotografie riguardanti il Partito radicale e il suo leader storico Marco Pannella. Una massa enorme di immagini che narrano gli avvenimenti di una singolare avventura politica nata nel 1955, l’avventura di una nave corsara che ha attraversato l’oceano tempestoso della società italiana. Queste foto non hanno però il filo di una narrazione: sono in qualche modo disperse nel web, sono un insieme di immagini indistinte che non aiutano a leggere la storia del Partito radicale. Spesso non si conoscono nemmeno i fotografi che le hanno scattate e si fa fatica a datarle. Le immagini selezionate sono state tutte contestualizzate con ampie didascalie e riferimenti alle attività descritte.

Questa ricerca di Andrea Maori ha fatto emergere un aspetto che poco appare nelle foto presenti nel web: la realtà di quelli che sono stati definiti “radicali ignoti”, cioè persone che hanno vissuto la propria attività come volontariato politico, spesso isolati, ma con grande spessore di idee e determinazione. In genere sono immagini che esprimono un forte messaggio politico ma nel contempo un senso di umanità e di coralità in cui l’individuo non è “massa” ma è valorizzato per la sua singolarità. Sono fotografie differenti dalla sontuosità e imponenza delle manifestazioni dei partiti tradizionali. Esse rappresentano spesso manifestanti con cartelli al collo e striscioni fotografati ed esaltano il linguaggio che esprime il dimostrante che può essere dirompente se ripreso, fotografato e (persino!) pubblicato in qualche giornale. I ricchi riferimenti bibliografici distinti in opere a stampa e siti web, curata da Marta Palazzi, si contraddistinguono per la ampia varietà di notizie fornite che consente di approfondire i temi trattati ed esposti nel libro.

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA