Russia, Radicali italiani: “Incredibile il silenzio assordante dopo l’inchiesta de L’Espresso”

Manzi: “La Russia inquina i pozzi della democrazia europea grazie al grimaldello della Lega”

Dopo anni di denunce dei Radicali in merito ai contatti strettissimi tra la Russia di Putin e i partiti antieuropei, a cominciare da Lega e 5Stelle; dopo le evidenti intromissioni nelle principali vicende elettorali europee (e non solo) a colpi di propaganda e fake-news; dopo l’inchiesta recentissima de L’Espresso che, dati alla mano, fornisce informazioni su una supposta trattativa segreta tra emissari di Putin e leghisti nostrani per finanziare lautamente il Carroccio in vista delle prossime elezioni europee, Silvja Manzi, segretaria di Radicali Italiani, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“La Russia inquina i pozzi della democrazia grazie al grimaldello della Lega. Si avvicinano le elezioni europee e non c’è la consapevolezza, nemmeno nel PD che dovrebbe fare opposizione, della gravità di quanto accade. Lo diciamo da anni, non perché siamo capaci di leggere nella sfera di cristallo ma perché sappiamo guardare ai fatti: la Lega rappresenta lo strumento per distruggere l’UE su mandato della Russia di Putin che vede nell’indebolimento dell’Europa e nel ritorno dei nazionalismi europei l’occasione per un ulteriore espansione del suo potere economico, militare, diplomatico, politico. La Lega non è sola in questa operazione ma certamente rappresenta lo strumento più pericoloso a livello dell’intera Europa.

È incredibile il silenzio assordante dopo l’inchiesta de L’Espresso che fornisce dati, fatti, ipotesi, su un accordo in fase di chiusura tra Lega e Russia di Putin, per finanziamenti faraonici al Partito di Salvini in vista delle Europee. Stiamo vivendo un periodo buio senza precedenti nella storia recente. Un periodo nel quale Matteo Salvini può andare a Mosca a dire che si trova a casa lì più di quanto si senta a casa in alcuni paesi europei senza che accada nulla; un periodo nel quale il leader di un partito che ha sottratto 49 milioni di euro agli italiani vive il suo momento migliore dal punto di vista del potenziale elettorale; un periodo nel quale l’informazione è nelle mani del regime come mai accaduto prima dal dopoguerra a oggi. Siamo di fronte al rischio del definitivo collasso dello Stato di diritto in Italia e in Europa e uno dei mandanti è proprio il regime russo. Propaganda finanziata con milioni di euro, uso militare delle fake-news e sostegno alle forze sovraniste sono le modalità attuate.

L’unico antidoto possibile è rafforzare l’Europa; andare avanti verso la federazione europea e conquistare una informazione libera che oggi è solo un lontano miraggio”.

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA