Migranti, Magi-Manzi: “M5S ipocrita, chiede redistribuzione ma si è opposto a riforma Dublino”

“I naufraghi salvati dalla Sea Watch 3 sono sbarcati non per ‘colpa’ di qualcuno ma perché lo dice il diritto.

E nessuno è al di sopra del diritto, tanto meno il ministro dell’Interno Salvini che infatti è uscito sconfitto da tutte le prove di forza ingaggiate in questi mesi: i migranti sono sempre sbarcati, i porti sono rimasti aperti e le inchieste giudiziarie sulle Ong sono sempre state archiviate.

Le uniche inchieste che hanno avuto seguito sono quelle a carico di Salvini, che nel caso della nave Diciotti è scappato dal processo grazie al voto del M5s ed evidentemente è sicuro di poterlo fare ancora”, lo affermano il Riccardo Magi, deputato radicale di +Europa, e Silvja Manzi, segretaria di Radicali Italiani, capolista di +Europa alle elezioni europee.

“Il M5s infatti è stato ed è responsabile al pari di Salvini delle politiche sull’immigrazione che violano i diritti e danneggiano il nostro Paese.

Ipocritamente oggi Di Maio e altri ministri Cinque stelle chiedono che ci sia una redistribuzione dei migranti in Ue, ma il governo gialloverde ha contribuito ad affossare la revisione del trattato di Dublino che prevedeva proprio la redistribuzione obbligatoria dei rifugiati e richiedenti asilo tra i paesi Ue. La piantino con questo indecente gioco delle parti”, concludono.

Tag:

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA