Di Florio e Federico: 8 anni senza garante dei detenuti in Abruzzo, chiediamo risposta concreta e immediata all’iniziativa del Radicale Di Carlo

Dichiarazione di Nico Di Florio e Valerio Federico, rispettivamente coordinatore di +Europa Abruzzo e membro della Direzione Nazionale

Alessio Di Carlo, membro del Comitato di Radicali Italiani e segretario di Radicali Abruzzo, è giunto al quinto giorno di sciopero della fame per denunciare la mancata elezione del Garante regionale dei detenuti.

Nonostante la legge istitutiva del 31 agosto 2011, n. 54, a tutt’oggi l’Abruzzo è l’unica Regione italiana a non aver provveduto, complice una legge regionale che richiede la “maggioranza dei due terzi dei voti favorevoli”.
Occorre dunque verificare se all’interno dell’attuale Consiglio Regionale sia possibile raggiungere il quorum e, in caso contrario, intervenire direttamente sulla legge istitutiva, prevedendo che in caso di fumata nera nel corso delle prime votazioni, il quorum richiesto vada via via riducendosi.

Per questo motivo chiediamo come +Europa un immediato incontro con il presidente del Consiglio regionale Sospiri e la calendarizzazione dell’elezione, così come richiesto dall’esponente radicale con la sua iniziativa nonviolenta.

Va istituito al più presto il garante per assicurare il rispetto dei diritti fondamentali anche a chiunque è privato della libertà, ricordando peraltro che parte dei detenuti risulteranno innocenti.

Roma, 22 maggio 2019

Tag:

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA