Sardegna/Solinas, Radicali: Il Governatore non rispetta la legge e reintroduce i vitalizi

Abbiamo chiesto al governatore Solinas di rispettare finalmente una legge chiarissima, dimettendosi da Senatore. La risposta del Palazzo è stata la reintroduzione dei vitalizi per i consiglieri regionali. Anche contro tutto questo, diamo forza alla candidata radicale Laura Di Napoli.

«Marco Pannella denunciava il vizio italiano per cui per il cittadino comune la legge è perentoria mentre per il potente di turno è ordinatoria – Ha dichiarato Silvja Manzi, segretaria di Radicali Italiani -.

Un esempio per tutti: il senatore Christian Solinas è stato proclamato consigliere regionale e presidente della Regione Sardegna il 20 marzo 2019, pertanto avrebbe dovuto dimettersi da una delle due cariche entro il 30 marzo 2019 (ai sensi dell’art. 6 della legge n. 154/1981: “la cessazione dalle funzioni deve avere luogo entro dieci giorni dalla data in cui è venuta a concretizzarsi la causa di incompatibilità”). 75 giorni dopo la scadenza fissata dalla legge, Solinas occupa ancora due poltrone e, come dettagliatamente riportato da Openpolis (vedi QUI), in Senato ha votato e percepito indennità di missione e diaria.

Tale situazione di patente illegalità dovrebbe essere affrontata anche dalla Giunta delle Elezioni del Consiglio Regionale, che non è stata ancora costituita, a quasi tre mesi dalla proclamazione dei consiglieri regionali. L’unica iniziativa promossa dal Consiglio Regionale, dalla maggioranza di centro-destra, è stata la proposta di legge di reintroduzione dei vitalizi dei consiglieri regionali, chiamati pudicamente “indennità differite”. Forse era questo che intendeva l’allora candidato Solinas con il suo slogan elettorale “prima i sardi, poi il resto del mondo”.

L’unica speranza dei cittadini sardi – prosegue Manzi – è riposta nel Tribunale civile di Cagliari, che dovrà esprimersi sul ricorso presentato mercoledì scorso dalla radicale Laura Di Napoli sull’incompatibilità di Solinas; ma i cittadini sardi hanno anche la possibilità, andando a votare alle amministrative di domenica, di eleggere candidati non omologati, che hanno dimostrato con le azioni di saper opporsi al regime partitocratico, oggi ben rappresentato da questa maggioranza. E penso proprio a Laura Di Napoli, la presentatrice dell’azione popolare contro Christian Solinas, radicale militante, membro del Comitato nazionale di Radicali italiani e candidata alle elezioni comunali di Cagliari nella lista “Cagliari città d’Europa”.

 

Roma, 14 giugno 2019

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA