Sea Watch: Igor Boni al quarto giorno di sciopero della fame accusa il Presidente Conte di essere servo di Salvini

“La Regione Piemonte e il neo-Presidente Alberto Cirio sono disposti a collaborare all’iniziativa dell’Arcivescovo Nosiglia pronto ad ospitare i 42 naufraghi?”:

Allo sciopero della fame di Igor Boni, che proseguirà fino allo sbarco dell’ultimo dei 42 naufraghi salvati dalla Sea Watch, si sono aggiunti:Antonella Ottonaro, Arcangelo Macedonio, Federica Valcauda, Antonio Pascali, Stefano Morcelli, Francesco Brunori, Alberto Ventrini, Alessandro Franco, Beatrice Pizzini, Calo Loi.

Dichiarazione di Igor Boni (Direzione nazionale Radicali Italiani):
“Il Presidente Giuseppe Conte dichiara che «Il comportamento del comandante della Sea Watch è di una gravità inaudita» e che «A questo punto la responsabilità non è più della politica ma della magistratura italiana».

NO, caro Presidente. La responsabilità è innazitutto politica e del Governo, la responsabilità è principalmente Sua in quanto Presidente del Consiglio di un Governo che – è evidente – ha come obiettivo violare gli articoli 2 e 10 della nostra Costituzione, oltre che la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e il diritto del mare per quanto riguarda l’obbligo di soccorso. La Costituzione «riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo” e esplicita l’«adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà” oltre a stabilire che «Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche… ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica…”.

Io proseguo con i miei compagni l’azione nonviolenta che mira a ristabilire la legge e il diritto contro la violenza del regime che ricatta altri Stati (corresponsabili di quanto accade) e lucra facile consenso sulla pelle di 42 naufraghi. Il tutto mentre solo nelle ultime 24 ore oltre 50 migranti sono giunti proprio a Lampedusa e accolti. La dimostrazione lampante che siamo dinanzi ad un tragico e ipocrita teatrino.

Il Presidente del Consiglio Conte si è dimostrato, di nuovo, sul tema delle migrazioni, al servizio del Ministro dell’interno Matteo Salvini.

Chiedo al neo-Presidente Alberto Cirio della Regione Piemonte se è disposto a sostenere l’azione dell’Arcivescovo Nosiglia pronto ad ospitare a spese della Chiesa i 42 naufraghi”.

Per aderire allo sciopero della fame: www.radicali.it/…/sciopero-della-fame-fino-allo-sbarco-di-…/

27 giugno 2019

Tag:

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA